Dibattito sul commercialista di domani

Mercoledì 26 settembre al Centro Malaguzzi il convegno internazionale promosso dai commercialisti reggiani

REGGIO EMILIA – Le nuove tecnologie e la sempre maggiore velocità del cambiamento tecnologico sono sfide per l’economia in generale e certamente anche per le libere professioni. Sono queste le premesse che il prossimo mercoledì 26 settembre (dalle 14,30 alle 19,30) porteranno all’auditorium Gerra del Centro Malaguzzi (viale Ramazzini, 72/a), diversi protagonisti nazionali e internazionali a confrontarsi sul futuro delle professioni e in particolare e su quella del commercialista.

Un convegno – dal titolo “Il Commercialista di domani, dibattito intorno alla professione” – che cercherà di comprendere quali siano le chiavi del successo nell’adattarsi al cambiamento e quali siano le opportunità che le nuove tecnologie offrono ai professionisti ed agli imprenditori loro clienti.

La professione del commercialista, strettamente legata al mondo delle imprese, risente più di altre dell’evoluzione tecnologica e deve essere in grado, prima di altre, di comprendere le nuove tendenze e utilizzare proficuamente le nuove tecnologie. Il convegno porrà al centro del dibattito la visione strategica di alcuni dei più noti esperti sul tema dell’evoluzione tecnologica e di mercato nel campo delle libere professioni, portando anche un contributo da altri Paesi, in cui alcune nuove tecnologie sono già state sperimentate ed attuate su larga scala. In realtà, le risposte a problemi che appaiono irrisolvibili possono già essere trovate in altre realtà economiche. Basti, ad esempio, pensare all’introduzione della fatturazione elettronica: molti vedono in Italia questo passaggio come un cambiamento difficile e rischioso, mentre il passaggio alla fatturazione elettronica è avvenuto, con successo, già da diversi anni in alcuni Paesi.

Il Comitato Scientifico della giornata di lavoro sarà coordinato da Chiara Mio, Università Ca’ Foscari, e ne fanno parte Giancarlo Attolini, IFAC Global Ambassador Michele D’Agnolo, Università di Trento Claudio Rorato, Politecnico di Milano.

Dopo i saluti e l’introduzione del presidente dell’Odcec reggiano Corrado Baldini e di Stefano Bolis, responsabile Direzione Territoriale di Emilia Adriatica (BSGSP) – BANCO BPM seguirà l’intervento introduttivo di Chiara Mio che presenterà i temi principali del convegno. A seguire: Antoni Gómez Valverde, member, IFAC Small and Medium Practices Committee che farà il punto sull’Information and Communication Technologies nello studio professionale, Michele D’Agnolo, Università di Trento, che prenderà la parola proprio sul quanto illustrato nella relazione di Gómez Valverde, mentre Mark Edmondson di Inflo punterà al tema, “Il futuro della revisione: data analytics e artificial intelligence”.

Il notaio Valentina Rubertelli, consigliere del Consiglio Nazionale del Notariato porterà al dibattito l’esperienza di Notarchain, un’applicazione pratica della tecnologia Blockchain nel campo contrattuale. Seguirà l’intervento di Claudio Rorato del Politecnico di Milano Discussant sulle relazioni precedenti, mentre le conclusioni saranno affidate a Giancarlo Attolini, IFAC Global Ambassador.