Via Turri, minaccia la moglie con un coltello: denunciato

Minaccia aggravata l'accusa mossa a un tunisino dai carabinieri

REGGIO EMILIA – Un tunisino di 46 anni ha accoltellato la moglie, una connazionale 40enne, sabato pomeriggio in un appartamento davanti alla stazione ferroviaria in via Turri. I rapporti familiari fra i due erano piuttosto burrascosi. L’episodio di sabato è nato in seguito a una banale discussione che ha visto la donna contrariata per il fatto che il marito fosse tornato a casa dopo un lungo periodo di assenza.

Le proteste della donna hanno mandato su tutte le furie l’uomo che prima ha iniziato ad urlare minacciosamente nei suoi confronti e poi ha impugnato un coltello a serramanico di 15 centimetri con cui l’ha minacciata di fronte al figlio di 12 anni. Le urla della donna hanno fatto desistere l’uomo che ha posato il coltello sul tavolo. Nel frattempo la donna, impaurita, è scesa in strada con il figlio e ha chiamato i carabinieri che sono intervenuti nell’abitazione e hanno sequestrao il coltello e denunciato l’uomo per minacce.