Quantcast

Taxi, la Provincia sblocca 66 nuove licenze

Di cui ben 64 a Reggio per rispondere alle crescenti esigenze della stazione Mediopadana

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Sessantasei nuove licenze per taxi – 64 delle quali a Reggio Emilia per rispondere alle crescenti esigenze della stazione Mediopadana – e la possibilita’ di ulteriori 35 attivita’ di autonoleggio con conducente in tutta la provincia. Queste le principali novita’ dell’aggiornamento del piano dei contingenti comunali di taxi e auto “Ncc” (noleggio con conducente) approvato nei giorni scorsi dal Consiglio provinciale.

“Elaborato dall’Agenzia per la mobilita’ su incarico della Provincia, l’aggiornamento mira a soddisfare in particolare le sempre maggiori necessita’ legate al successo della stazione dell’alta velocita’, passata da 30 treni e 1.500 passeggeri al giorno nel 2014 agli attuali 58 treni e 3.500 passeggeri, con previsioni di ulteriore crescita”, spiega il presidente della Provincia Giammaria Manghi. Non a caso, infatti “ben 64 delle 66 nuove licenze riguardano il capoluogo, che deve far fronte anche alle richieste della stazione storica, che registra 10.000 passeggeri al giorno”.

Con l’aggiornamento del piano il totale delle licenze dei taxi in provincia aumenta da 46 a 112. Il capoluogo (in cui nei mesi scorsi il Comune ha sbloccato l’entrata in servizio di 24 nuovi tassisti) passa da 36 a 100, mentre Sant’Ilario potra’ mettere a bando il suo primo servizio taxi, che bilancera’ sul versante parmense della via Emilia la dotazione gia’ presente da tempo su quello modenese. Per quanto riguarda il servizio di autonoleggio con conducente, sono invece 144 le licenze ad oggi rilasciate sul territorio provinciale, su un tetto massimo previsto di 220.

Più informazioni su