I Vigili del fuoco di Reggio volano a Genova foto

Elicottero con unità cinofile dei vigili del fuoco in volo per Genova per operare nella zona dell'immane crollo del ponte Morandi

REGGIO EMILIA – I vigili del fuoco di Genova hanno chiesto aiuto ai colleghi delle regioni limitrofe per intervenire sul luogo della tragedia del viadotto Morandi. Dall’Emilia Romagna sono partite varie squadre che verranno impegnate per scavare alla ricerca di superstiti e vittime, e nella messa in sicurezza nell’area del crollo del ponte.

Verso le ore 14 l’elicottero Drago 60 dei Vigili del Fuoco, partito da Bologna Marconi, è atterrato in via Francia a Reggio per un rendez vous: ha caricato unità cinofile di Reggio e di Modena. Sempre da Reggio è inoltre partita una autoscala con due unità a bordo.

L’ingente spiegamento di forze si spiega col fatto che prima si rimuoveranno le macerie prima sarà possibile trovare persone ancora vive. Alle ore 14,37 i morti accertati erano 11, 5 i feriti gravi. Inoltre Genova è tagliata in due e paralizzata: il ponte infatti è uno svincolo autostradale importantissimo, che collega il Ponente e il Levante ligure.

Intanto l’Amministrazione comunale di Reggio, esprimendo la propria solidarietà alla città di Genova per l’immane tragedia, ringrazia i nostri pompieri e “tutti coloro i quali si stanno prodigando per le operazioni di soccorso”. E aggiunge: “La filiera della Protezione civile di Reggio, che comprende numerose associazioni di volontariato e dipendenti pubblici, in particolare del corpo della Polizia Municipale, sono e saranno a disposizione nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, qualora necessario, per portare gli aiuti richiesti”.