Le rubriche di Reggiosera.it - Interventi

“Reggiana, noi dipendenti di serie B snobbati dal sindaco”

Lettera aperta di chi è stato licenziato in tronco un anno fa: "I lavoratori attuali vengono ricevuti dal primo cittadino. Per noi solo qualche flebile dichiarazione"

REGGIO EMILIAAbbiamo appreso, con grande stupore dai quotidiani locali, che l’amministrazione comunale venerdì 5 luglio convocherà gli attuali dipendenti di AC Reggiana 1919 per un colloquio vista la difficile situazione in cui versa il principale club calcistico della nostra città. Ci chiediamo, a questo punto, se per il Comune di Reggio Emilia, esistano lavoratori di serie A e lavoratori di serie B visto che dubitiamo fortemente che il sindaco di questa città, convochi a turno i lavoratori di ogni azienda privata a rischio fallimento per parlare di un possibile ricollocamento.

Constatiamo, con grande rammarico, che ci sono appunto lavoratori di “serie A” che hanno la fortuna e il privilegio di poter essere ricevuti dalla massima autorità cittadina – rappresentante di tutti i reggiani – e ci sono altri reggiani, professionisti, lavoratori, disoccupati di “serie B” che hanno lavorato anch’essi per AC Reggiana nella stagione precedente e che non hanno avuto questo onore.

Siamo stati licenziati senza alcuna motivazione in 5 minuti, abbiamo subito insulti diffamatori da parte della proprietà e siamo stati vittima di inaccettabili illazioni e offese sui social network da parte di “tifosi” nel silenzio generale della città e della Amministrazione stessa che si è limitata a fare qualche flebile dichiarazione in tv senza prendere le distanze da questi vili e deprecabili comportamenti.

Comprendiamo che la Reggiana Calcio sia a forte rischio fallimento rispetto alla stagione passata ma questo non autorizza una amministrazione comunale a tramutarsi come d’incanto in un ufficio di collocamento. Per questi motivi siamo amareggiati e a questo punto ci aspettiamo che qualsiasi lavoratore di società a concreto rischio di fallimento e/o disoccupati a vario titolo possano ricevere lo stesso identico trattamento riservato agli attuali dipendenti di “serie A” attualmente occupati in Reggiana Calcio 1919.