Reggiana, Vecchi incontra potenziali soci: “Prevalga la ragionevolezza”

Il primo cittadino: "Le incombenze dei prossimi giorni rendono sperabile che uno o più incontri diretti possano essere organizzati in tempi congrui nelle sedi opportune"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Auspico che nei prossimi giorni si possa concretizzare l’incontro fra i soggetti interessati ad aiutare la Reggiana e la proprietà. Confido che prevalgano ragionevolezza e senso di responsabilità”. Lo ha detto il sindaco Luca Vecchi dopo che ieri, in Comune, si è tenuto un incontro fra il primo cittadino e alcuni professionisti e imprenditori della città e della provincia interessati alle sorti della Reggiana Calcio.

Il sindaco ha espresso loro “il ringraziamento per la disponibilità emersa a valutare forme di sostegno alla squadra calcistica granata e ha sottolineato come, dopo le recenti prese di posizione della proprietà, sia auspicabile che il quadro evolva nel senso della maggiore unitarietà possibile dei soggetti disponibili a lavorare su questo fronte”.

Vecchi ha anche aggiunto che “le incombenze dei prossimi giorni rendono sperabile che uno o più incontri diretti possano essere organizzati in tempi congrui nelle sedi opportune, per permettere di entrare nel merito della situazione, degli obblighi ai quali si deve ottemperare, con lo scopo di aprire un dialogo che ci si augura possa essere fruttuoso per il futuro della Reggiana”.

Il sindaco ha sottolineato con forza come il destino della squadra della città stia a cuore a moltissimi e si è detto certo che “ogni giorno disponibile, da qui ai termini fissati per l’iscrizione della Reggiana al prossimo campionato, verrà sfruttato da coloro i quali hanno titolo a perseguire il bene della squadra per fare il massimo al fine di evitare scenari dolorosi”.

Nei prossimi giorni, si spera già a partire da lunedì, queste cordate di potenziali soci dovrebbero incontrare Piazza, che a quel tempo dovrebbe essere già tornato dagli Stati Uniti e fare il punto della situazione con lui. La scadenza è sempre la stessa. Bisogna tirare fuori 400mila euro per l’iscrizione alla serie C entro il 30 giugno. Lunedì è il 25.

Più informazioni su