Iscrizione al campionato, serve almeno un milione di euro

Bisognerà prestare una fideiussione da 350mila euro e dimostrare di aver pagato gli stipendi dei giocatori fino a maggio e rispettare determinati parametri finanziari. La dead line è il 30 giugno. La Reggiana rischia di essere esclusa da qualsiasi campionato proprio nella stagione del centenario

REGGIO EMILIA – Servono una fideiussione da 350mila euro e il pagamento delle spettanze ai calciatori e relativi versamenti previdenziali fino al mese di maggio, per poter iscrivere la Reggiana, entro il 30 giugno, al campionato di serie C. In tutto potrebbero essere almeno un milione di euro. Il presidente Mike Piazza ha detto che vuole mettere, in tutto o in parte, la società granata sul mercato ma, in ogni caso, se non si vogliono arrecare gravi penalizzazioni alla squadra, qualunque sia il futuro proprietario, deve adempiere a una serie di condizioni.

Il tutto deve avvenire entro il 30 giugno, pena l’esclusione dai campionati federali. Dunque se Piazza non provvederà a tirare fuori circa un milione di euro, la Reggiana rischia di non poter partecipare ad alcun campionato, nemmeno alla serie D. Il rischio, dunque, è quello che la Reggiana rimanga senza campionato proprio nella stagione del centenario.

Ma c’è anche un altro grosso problema, ovvero che entro il 15 giugno dovranno pervenire alla Lega calcio i documenti necessari per la certificazione di criteri infrastrutturali (illuminazione, manto erboso, mantenimento terreno di gioco) e non oltre il 20 giugno tutta la documentazione alla Commissione criteri infrastrutturali della Figc (disponibilità impianto, licenza d’uso). Entro otto giorni, quindi, dovrebbe essere trovato l’accordo con Mapei Stadium srl, proprietaria dello stadio. Un accordo impossibile da raggiungere se Piazza non pagherà gli arretrati che oggi ammontano a circa 500mila euro. C’è anche questo da mettere in conto.

Entro il 26 giugno
Pagare le spettanze ai calciatori e relativi versamenti previdenziali, riferite fino al mese di maggio 2018 (si deve dimostrare l’avvenuto pagamento delle spettanze dal 1 luglio 2017 al 31 maggio 2018 per tutti i collaboratori dipendenti e presi in outsourcing). Le spettanze dei calciatori di giugno 2018, saranno da saldare massimo entro settembre 2018. Le spettanze dei tesserati e altre figure dipendenti, fino a giugno 2018, saranno da saldare entro il 21 agosto 2018. Il non rispetto di queste date (pagamento in ritardo degli emolumenti), comportano punti di penalizzazione da scontare nel campionato successivo , laddove l’iscrizione al campionato successivo venga regolarmente presentata. Dichiarazione d’impegno a partecipare ai tornei giovanili, con scheda informativa riguardante le società eventuali con cui si collabora per tali partecipazioni.

Entro il 30 giugno
Termine massimo per la presentazione della domanda di iscrizione contenente le risposte ai criteri di ammissione et infrastrutturali e relative certificazioni, contenente il pagamento della quota di iscrizione corredata da fideiussione di 350.000 euro. Termine per depositare presso la Covisoc, anche mediante fax o posta elettronica certificata, ove non sia stata depositata in precedenza, copia del bilancio d’esercizio, corredato dal verbale di approvazione, al 30 giugno 2017, se l’esercizio sociale coincide con la stagione sportiva, ovvero al 31 dicembre 2017, se l’esercizio sociale coincide con l’anno solare.

Entro il 7 luglio
Termine massimo per inoltrare alla Covisoc il ripianamento delle eventuali carenze ai fini del raggiungimento della misura minima del parametro economico/finanziario PA (Patrimonio Netto Contabile/Attivo Patrimoniale).