Due nuovi colpi attribuiti al rapinatore della “Panda Gialla”

Le notifiche a Giuseppe Ofantino, napoletano di 47 anni, sono arrivate in carcere per due episodi a S. Ilario e Reggio

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Sono state attribuite altre due rapine a Giuseppe Ofantino, napoletano di 47 anni, definito il rapinatore seriale della “Panda gialla”. Le notifiche gli sono arrivate in carcere dove l’uomo si trova attualmente. Ofantino era stato arrestato in flagranza di reato dalla polizia a fine maggio, subito dopo avere rapinao una donna utilizzando una Panda, rubata, di colore giallo.

Le indagini delle forze dell’ordine sono proseguite per verificare altri colpi messi a segno dal napoletano. Sono così emerse altre due due rapine a lui attribuibili. La prima il 20 maggio scorso nei parcheggi sotterranei di un noto supermercato reggiano. In quella circostanza l’uomo era salito a bordo dell’auto di una donna e, sotto la minaccia di un’arma, che non aveva mostrato, aveva preso una borsa con il portafoglio. La donna, per lo shock, era svenutat ed era stata costretta ad andare in ospedale.

La seconda rapina era stata consumata il 22 maggio scorso a S. Ilario. Anche in questo caso la vittima era una donna che era stata avvicinata da Ofantino a bordo della Panda gialla che aveva rubato poche ore prima a Reggio. L’azione era stata particolarmente violenta perché la vittima era stata trascinata a terra e aveva riportato lesioni giudicate guaribili in 30 giorni.

Le indagini dei carabinieri di Gattatico hanno permesso di individuare l’auto utilizzata dal rapinatore. L’arresto di Ofantino è avvenuto pochi giorni dopo durante una terza rapina messa a segno utilizzando sempre una Panda gialla.

Più informazioni su