Quantcast

Tekapp, quei cani che migliorano il clima in azienda foto

I dipendenti producono di più grazie agli amici a quattro zampe in ufficio. Il titolare Daniel Rozenek: “La nostra è una ditta dog friendly, fanno bene al morale”

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Un’azienda dog friendly in cui i nostri amici a quattro zampe possono entrare. Stiamo parlando di Tekapp, azienda di servizi informatici di Formigine in via Gatti, che ha una politica particolare che si inserisce all’interno del suo welfare aziendale. Si tratta di un insieme di cose (anche piccole) che mirano a migliorare l’ambiente lavorativo, in modo che i dipendenti possano ritrovarsi in un contesto famigliare anche durante le ore lavorative. Dalla sala relax con tutto incluso dall’azienda al venerdì pomeriggio libero, queste piccole operazioni aiutano i colleghi a convivere meglio.

I nostri cani da tastiera fanno compagnia ai dipendenti nelle ore lavorative, facendole passare con quella serenità e quella gioia che solo gli animali riescono a creare. In ufficio ad esempio c’è Attila, un cucciolo di boxer che si è già adattato perfettamente a stare in mezzo alle persone. Attila passa da 100 a 0 nell’arco di due minuti e quando dorme alle volte russa. Insieme a lui c’è Bruto, il molosso salvato in Spagna da un’associazione e poi adottato. Bruto è un brontolone.

E quando Bruto si lamenta (o quando si annoia, o quando vuole salutarti…), ulula.
Anche durante le riunioni d’ufficio, che per lui sono sicuramente abbastanza noiose. Fanno presente da Tekapp: “Ma non un ululato normale, no… Il suono che fa è un po’ come sentire ululare Mario Biondi. Quel suono ha il potere di far ridere chiunque, anche nei momenti di massima tensione. Insomma, il punto è che i cani in ufficio non passano certo inosservati; ma i benefici che portano sono tanti. Il migliore antistress che si possa avere. Quando siamo tesi e stressati, basta uno sguardo per farci sciogliere. Questo è sicuramente uno dei benefici dell’avere dei colleghi a 4 zampe in ufficio”.

Continuano dall’azienda: “Diverse ricerche affermano che il lavoro d’ufficio ha controindicazioni anche molto gravi, come obesità, malattie cardio-vascolari, disturbi muscolari e anche il cancro. Il consiglio che spesso ci danno per stare bene nonostante le 8 ore quotidiane seduti alla scrivania davanti al pc, è prendersi frequenti pause: che sia anche andare a prendere un bicchiere d’acqua o fare una camminata in corridoio. Ecco, avere dei cani in ufficio è la scusa perfetta per imporsi quelle pause che spesso saltiamo, presi dalla smania di finire i progetti. Scendere cinque minuti in giardino a sgranchirsi le gambe e prendere una boccata d’aria può sembrare poco, ma in realtà è incredibilmente importante per la nostra salute. Spesso in ufficio ci alterniamo in questa mansione: quando un collega è impegnato con clienti o con un progetto, facciamo a turno per badare al suo cane, portandolo a spasso e facendolo giocare. Questo crea un bellissimo clima di supporto e aiuto che non è vincolato ai doveri lavorativi”.

I dipendenti di Tekapp hanno poi notato un altro lato positivo della presenza canina. Dicono: “Abbiamo notato che è molto più facile scambiare due chiacchiere e scoprire cose nuove delle nostre vite mentre li osserviamo giocare. È incredibile quanto tempo passiamo insieme ai colleghi e quanto alle volte poco sappiamo di loro. Per questo noi di Tekapp dedichiamo anche solo qualche momento della nostra giornata a scambiarci aneddoti e ricordi, imparando ad apprezzare il tempo insieme che aziende più complesse magari non permettono di avere.

 

Il titolare Daniel Rozenek è felice della scelta: “La nostra è un’azienda dog friendly, fanno bene al morale”. L’imprenditore, che ricopre anche importanti ruoli all’interno di Confimi Emilia, ha inoltre aggiunto: “Il mondo del lavoro è cambiato e cambierà ancora, oggi non esistono orari, luoghi o iter precisi da seguire. Noi datori di lavoro dobbiamo cercare soluzioni utili per rendere l’habitat lavorativo più armonioso e più amichevole possibile. In questo modo aumenta la produttività e si vive meglio”.

Più informazioni su