Quantcast

Reggio accoglierà i turisti con la realtà virtuale

Nel nuovo ufficio Iat di via Farini riaprirà sabato alle 16.30 con mappe touchscreen e visori. Numero visitatori in leggera crescita a Reggio

REGGIO EMILIA – Un’enorme mappa touch screen (di due metri e 40 per un metro e 30), due visori che con la realta’ virtuale permettono di “entrare dentro” cinque luoghi tra i piu’ suggestivi del territorio e perfino un tavolo interattivo dove, posizionando dei cubi di legno che contengono dei sensori, si ottiene la descrizione delle eccellenze gastronomiche reggiane.

Sono alcuni degli elementi del nuovo ufficio per l’accoglienza turistica gestito dal Comune di Reggio Emilia, che sabato prossimo ritorna nei precedenti uffici di via Farini. Locali completamente ristrutturati e assolutamente “smart”- curati dall’architetto Francesco Bombardi insieme al laboratorio del Gattaglio – per, spiega l’assessore Natalia Maramotti (presidente della destinazione turistica Emilia che raggruppa Reggio Emilia, Parma e Piacenza) “adeguarsi all’evoluzione del concetto di turismo, dove ormai i visitatori acquisiscono gia’ diverse informazioni prima di visitare i luoghi e bisogna quindi cercare di stupirli con un effetto ‘wow'”.

Maramotti si sofferma in particolare sul tavolo interattivo che raccontera’ la storia di alcune tipicita’ enogastronomiche- erbazzone, cappelletti e pasta ripiena, lambrusco, aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia e Parmigiano Reggiano- perche’ “se la food valley e’ in Emilia-Romagna, il suo cuore e’ qui, con Parma capitale Unesco della Gastronomia e Reggio che deve ancora lavorare su questo”.

Per Giammaria Manghi, presidente della Provincia che ha contribuito alla ristrutturazione, “sara’ uno spazio narrante” dedicato non solo ai turisti ma anche ai cittadini. Questo perche’, rileva il Comune, “il tema dei reggiani che non conoscono le bellezze e i luoghi da visitare c’e’ e vogliamo invertire la tendenza, facendoli diventare ambasciatori del territorio”. Il taglio del nastro inaugurale del nuovo ufficio e’ previsto alle 16.30 alla presenza, tra l’altro dell’assessore regionale al turismo Andrea Corsini. Sara’ servito un aperitivo con una grossa ciambella Tricolore e il tipico vino reggiano “Spergola”.

Domenica 13 maggio lo Iat aprira’, come di consueto al mattino, dalle 9.30 alle 12.30, e nel pomeriggio, in via straordinaria, dalle 15.30 alle 18.30 per permettere a turisti e cittadini di proseguire la visita ai nuovi spazi. Sara’ inoltre possibile prenotare una visita alla “Torre del Bordello” aperta dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Numero visitatori in leggera crescita a Reggio
Reggio Emilia cresce in attrattivita’ turistica, anche se i visitatori – confermando una tendenza storica – arrivano in citta’ principalmente per affari. Lo certificano i dati forniti dal Comune a margine della presentazione del nuovo Iat (l’ufficio per l’accoglienza turistica), che segnalano come a dicembre del 2017 gli arrivi sono stati oltre 188.000 in crescita rispetto ai 179.000 circa dell’anno precedente. Le “presenze”, ovvero il numero di persone che hanno pernottato almeno una notte, sono state invece 349.000, circa 13.000 in piu’ rispetto alle 336.000 del 2016. Numeri in aumento, per il turismo, anche considerando l’intera provincia. Gli arrivi passano da 317.000 del 2016 ai 365.000 del 2017, mentre le presenze da 674.000 a 796.000. In citta’ ci sono in tutto 27 alberghi e 72 strutture extralberghiere tra cui 5 agriturismi, 34 B&B e 32 tra affittacamere, case per ferie e appartamenti ad uso turistico.