Lavori da freelance? Ecco come dare slancio alla tua attività

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Lavorare da freelance ha indubbiamente i suoi vantaggi, a patto di procedere nel modo corretto: sono tanti gli step da affrontare per mettere in piedi una propria attività, e ognuno di essi richiede dedizione e pratica quotidiana. Naturalmente nulla viene dato per nulla: il freelance, quando comincia, sa che lo scoglio principale è rappresentato dal non avere clienti. Si potrebbe essere il meglio del proprio settore ma, senza una adeguata promozione, non si avrà mai l’occasione di dimostrarlo a nessuno. Di conseguenza, non sarà possibile innescare quella reazione da passaparola che – in questo settore – è così importante. La promozione della propria attività, poi, deve procedere su più livelli e richiede tempo e strategie: ecco perché oggi ti spiegheremo come dare slancio alla tua attività e valorizzarla con le giuste tecniche.

Come puoi promuovere te stesso?
Un freelance non è un’azienda: quando lavora, ci mette sempre la faccia. Se anche tu hai scelto questa direzione, devi dunque promuovere in primis te stesso. Devi dare al tuo nome un valore, lo stesso che daresti ad un marchio: quando sarai riuscito a definirlo, vedrai che esso darà i suoi frutti. Prima di farlo, però, devi partire con un obiettivo chiaro e con la certezza di potergli dedicare il tuo tempo. Poi, devi pensare al tuo nome come ad un brand, dunque individuare un target e dargli un messaggio da trasferire ai tuoi futuri clienti. Per quanto concerne la promozione, è sempre il caso di progettare un tuo biglietto da visita personalizzato, che è possibile ordinare anche su siti specializzati nella stampa online, come ad esempio doctaprint.it. Qui dovrai inserire il tuo logo e tutte le informazioni di contatto: dovrai curare la grafica in ogni dettaglio, pensando ad un’idea che rappresenti chi sei e ciò che fai. Perché le business card sono così importanti? Perché parlano al posto tuo, e perché danno professionalità.

Come promuoverti sul web?
Qualsiasi sia la tua professione da freelance, dovrai necessariamente imparare a promuoverti sul web. Il primo step è creare un sito vetrina della tua attività, e aggiungere una sezione per il blog: se sei un fotografo potresti, ad esempio, scrivere dei contenuti sulle varie tecniche. Questo ti aiuterà a salire in visibilità su Google e a dare una dimostrazione di competenza a chi ti leggerà. Visto che si parla di dimostrazioni, ecco che spicca la necessità di creare un tuo portfolio: puoi farlo sul sito, ma il consiglio è di usare anche i social come LinkedIn, fra l’altro utilissimo per creare una rete di contatti. Non solo, perché anche Facebook e gli altri – a seconda dei casi – possono diventare ottime piattaforme: ti basti pensare a Instagram, che per i fotografi funziona come un vero e proprio portfolio. Oppure YouTube, se la tua professione è il videomaking.

Più informazioni su