La Reggiana piega il Siena: 2-1

I gol di Manfrin e Altinier consentono la rimonta granata davanti a 8mila e 500 spettatori

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – In una serata uggiosa la Reggiana agguanta il successo nella gara d’andata dei quarti di finale grazie allo strapotere tra i pali di Facchin e ai sigilli firmati da Manfrin e Altinier. In conferenza stampa Eberini parla chiaro: “I miei uomini vivono di calcio e riescono anche ad esprimerlo”. La voce dei tifosi: “Dai c’andom a Siena”.

Primo tempo
Ancor prima del fischio d’inizio Alessandro Cesarini, armato di stampelle, si presenta a bordo campo per salutare e al contempo ringraziare i propri tifosi dell’affetto mostrato a seguito dell’intervento chirurgico al perone poi, spazio a Channing Banks (cantante che ha vestito i panni di Matilde di Canossa in occasione del 49° corteo storico matildico) nell’intonare l’inno nazionale. Spettacolari le opere grafiche proposte da Teste Quadre e Gruppo Vandelli volte ad abbagliare la visuale bianco-nera senese.

Entrambe le formazioni inizialmente si affidano a una politica difensiva ma, quando meno te l’aspetti, è la compagine ospite a portarsi in vantaggio con un colpo di testa a schiacciare di Rondanini che non lascia scampo all’estremo difensore granata. Gli uomini di mister Mignani non hanno neppure il tempo di degustare il sorpasso, perché Manfrin disegna una traiettoria così radente e così perfetta a fil di palo su cui Pane non può fare nulla. Per i presenti al Città del Tricolore, un primo atto emozionante.

Secondo tempo
Si riparte nel segno di Facchin che si presta in un volo plastico a bloccare il tentativo a rete di Bulevardi. Cambio di fronte e Lombardo mette nel cuore dell’area di rigore avversaria un pallone invitante sul quale si avventa il “Duca” Altinier che, sagacemente, lascia sul posto Sbraga e trafigge con una stoccata Pane. Quest’ultimo si rende protagonista ipnotizzando Cianci servito al bacio da Napoli. A salire in cattedra è ancora una volta Facchin che delizia i propri sostenitori con un doppio salvataggio su Guberti (subentrato in corso d’opera a Cristiani). La Reggiana spinge più che mai, tramonta così l’avanzata nemica. Ora occhi puntati alla gara di ritorno in programma domenica 3 giugno tra le mura dello stadio Artemio Franchi.

Il tabellino

Marcatori: 19’ Rondanini (S), 20’ Manfrin (R), 52’ Altinier (R).

REGGIANA – ROBUR SIENA: 2 – 1

REGGIANA (3-5-2): Facchin; Ghiringhelli, Bastrini, Rozzio; Lombardo, Bobb, Genevier, Carlini, Manfrin (dal 71’ Riverola); Altinier (dal 65’ Cianci), Cattaneo (dal 65’ Napoli). A disposizione: Narduzzo, Viola, Zaccariello, Palmiero, Rocco, Panizzi. Allenatore: Eberini.

ROBUR SIENA (4-3-1-2): Pane; Rondanini, Sbraga, D’Ambrosio, Iapichino; Cristiani (dal 73’ Guberti), Gerli (dal 85’ Damian), Vassallo (dal 85’ Guerri); Bulevardi; Marotta (dal 88’ Santini), Neglia. A disposizione: Rossi, Crisanto, Panariello, Dossena, Emmausso, Mahrous, Cleur, Solini. Allenatore: Mignani.

Arbitro: Matteo Marchetti sez. di Ostia Lido (Assistenti: Rabotti sez. di Roma 2, Dell’Università sez. di Aprilia. 4° Ufficiale: Annaloro sez. di Collegno).

Note – Spettatori: 8516. Angoli: 1 – 5. Recupero: 1’ pt. ; 3’ st

Più informazioni su