Quantcast

Il fine settimana di Fotografia europea

Il prossimo Week end sarà ricchissimo di appuntamenti grazie alla compresenza di iniziative culturali quali la Notte dei Musei e Reggionarra

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Il prossimo fine settimana sarà ricchissimo di appuntamenti grazie alla compresenza di iniziative culturali quali la Notte dei Musei e Reggionarra che affiancheranno Fotografia Europea nell’obiettivo comune di rendere la città quanto mai vitale e partecipata. In occasione della Notte dei Musei, sabato, le mostre di Palazzo Magnani, Banca d’Italia, Palazzo da Mosto, Chiostri di San Domenico, Spazio Gerra e Galleria Parmeggiani, resteranno aperte fino alle 24. Ecco nel dettaglio gli eventi organizzati dalla Fondazione Palazzo Magnani per Fotografia Europea.

Sabato
Alle 11 al cinema Al Corso ci sarà “Pornografia e adolescenti nell’era dell’accesso e del consumo” una conferenza in cui Pietro Adamo, sociologo e curatore dell’irriverente mostra di Palazzo Magnani, Sex & Revolution!, la più visitata di questa edizione di Fotografia Europea, dialogherà con lo psicologo e psicoterapeuta, esperto nei problemi adolescenziali, Matteo Lancini.

Ingresso libero

Alle 15,30 in Banca d’Italia da non perdere i laboratori “fotografici” per bambini Capo daccapo, nell’ambito di Reggionarra. Questa settimana i piccoli si divertiranno a creare un photobook con le avventure di Capo, l’eroe che viaggia tra le fotografie ripartendo sempre daccapo. A cura di Fondazione Palazzo Magnani. Per info e prenotazioni 0522/444446.

Alle 16 allo Spazio Gerra in programma Fast and Curios Fotoromanzo e fumetto ai tempi di Istagram, approfondimento sul tema e successivo live happening curato da Marco Zanichelli, Enrico Pierpaoli e Mary Franzoni.

Alle 16,30 ai chiostri di San Domenico, visita guidata a cura della Fondazione Palazzo Magnani alla mostra dedicata al paese ospite di questa edizione 2018, l’Iran con Genesis Of A Latent Vision: A Window Onto Contemporary Art Photography In Iran. Visita guidata a pagamento 3€ + biglietto della mostra non obliterato. Per info e prenotazioni 0522/444446

Dalle 20 alle 23 alla Galleria Parmeggiani ci sarà Francesca Catellani, fotografa reggiana tra i vincitori della Call di questa edizione, ad accogliere il visitatore nel suo Set Fotografico, dal titolo Cosa ne faremo del futuro? Fotogrammi sulla linea del tempo. Il pubblico sarà coinvolto in un percorso per indagare il tempo, quello passato, quello presente, quello futuro. Ogni visitatore dovrà pescare messaggi, incontrare l’ambasciatore del suo destino, esprimere un intento/desiderio nella stanza del Presente e infine gli verrà scattata e subito consegnata una fotografia che affidi al futuro l’esperienza appena vissuta. La regia della serata sarà di Francesca Catellani che si avvarrà delle incursioni teatrali di Riccardo Maffiotti.

Ingresso libero con biglietto Fotografia Europea non obliterato.

Alle 21 e alle 23 a Palazzo Magnani ci sarà invece un appuntamento curioso tra le opere della mostra Sex & Revolution, con il curatore Piergiorgio Carizzoni che introdurrà il funzionamento del curioso “accumulatore orgonico”, lo strumento ideato dal Dr. W. Reich, dopo aver scoperto l’energia orgonica. Negli anni ’30 Reich pubblica i suoi testi riguardanti la «rivoluzione sessuale», dove teorizza, entro un approccio psicosomatico, che l’uomo possa liberarsi dalla repressione insieme sociale e sessuale tipica del mondo capitalistico scaricando correttamente l’energia in sovrappiù del corpo mediante l’orgasmo. A cura di ORAC, la sperimentazione sarà fatta su un volontario per dimostrare il reale funzionamento del macchinario. Seguirà la visita guidata con Piergiorgio Carizzoni.

Visita guidata a pagamento 3€ + biglietto della mostra non obliterato. Per info e prenotazioni 0522 444446.

Domenica
Alle 11 a Palazzo Magnani un fuori programma voluto a grande richiesta dal pubblico, un regalo che Pietro Adamo, il sociologo e direttore scientifico della mostra “Sex & revolution! Immaginario, utopia, liberazione (1960-1977)” vuole fare ai visitatori, guidandoli tra le sale del Palazzo in un percorso che tra storia, immagini, video, libri e oggetti d’epoca, porta alle coscienze del pubblico l’importanza di quella rivoluzione che ha radicalmente mutato, sotto l’urto delle idee e delle pratiche emerse negli anni ’60 e ‘70, i modi di pensare il sesso, la famiglia, il lavoro, la politica, lo Stato.

Visita guidata a pagamento 3€ + biglietto della mostra non obliterato. Per info e prenotazioni 0522 444446.

Più informazioni su