Viale Regina Margherita, presa a pugni e rapinata del cellulare

La vittima è una nigeriana di 24 anni che è stata avvicinata da un connazionale 30enne alla fermata del bus. La polizia lo ha arrestato poco dopo

REGGIO EMILIA – Una nigeriana di 24 anni è stata rapinata da un connazionale di 30 anni ieri pomeriggio in viale Regina Margherita. Erano le 15 quando la donna, che è a Reggio da circa un mese e che svariate volte è stata importunata dall’uomo, è stata avvicinata dall’immigrato mentre aspettava l’autobus.

Il connazionale era su una bicicletta e le ha chiesto di andare via con lui. Di fronte al rifiuto della donna, l’uomo le ha strappato dalle mani il suo smartphone e si è allontanato. La donna ha cercato di ritornare in possesso del telefono, ma è stata aggredita con violenti pugni al volto che l’hanno fatta cadere a terra. L’aggressore è poi fuggito a bordo della bicicletta.

I poliziotti, subito intervenuti sul posto, hanno raccolto il maggior numero di informazioni utili da parte dei testimoni, riuscendo così a rintracciare in una via limitrofa l’uomo che è stato trovato in possesso del cellulare della donna. Il nigeriano è stato arrestato per rapina impropria. E’ anche irregolare e quindi è stato denunciato pure per ingresso e soggiorno illegale in Italia.