Usava la scuola come dormitorio e la cattedra come letto: denunciato

Occupazione di edificio e danneggiamento aggravato l’accusa mossa a un 20enne incensurato senza fissa dimora

CARPINETI (Reggio Emilia) – Mentre gli studenti erano nelle aule a lezione, lui era chiuso a chiave nel laboratorio didattico, che aveva raggiunto durante la notte, a dormire sopra la cattedra che aveva adibito a letto. A scoprirlo i carabinieri della stazione di Carpineti che, con l’accusa di occupazione di edificio e danneggiamento aggravato, hanno denunciato un 20enne incensurato di Carpineti.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, che l’hanno sorpreso dormire all’interno del laboratorio didattico dell’istituto comprensivo del paese, il giovane la notte tra domenica e lunedì, dopo aver forzato una porta posteriore, è entratonel plesso scolastico e poi ha raggiunto il laboratorio didattico dove si è chiuso chiave. Quindi, dopo aver allestito la cattedra a letto, si è lasciato andare a un sonno profondo.

Al mattino gli studenti sono entrati in classe per le lezioni. A richiedere l’intervento dei carabinieri è stato il vice preside dell’istituto che ieri pomeriggio, verso le 14, ha notato l’effrazione della porta posteriore della scuola e il laboratorio chiuso a chiave dall’interno. I militari sono arrivati e hanno trovato il 20enne che aveva scelto la scuola del paese come dormitorio.