Lotta fra bande per la gestione dello spaccio

E' una delle ipotesi investigative su cui le forze di polizia reggiane stanno lavorando dopo gli accoltellamenti e risse tra immigrati

REGGIO EMILIA – Una guerra per il controllo delle piazze dello spaccio reggiane. E’ una delle ipotesi investigative su cui le forze di polizia reggiane stanno lavorando a seguito degli accoltellamenti e delle risse tra immigrati clandestini di diverse nazionalità avvenuti in diverse zone del capoluogo soprattutto nelle ultime settimane, ma in realtà iniziati già la scorsa estate. E, sullo sfondo, si delinea il fantasma della stagione di sangue che nel 2003 sconvolse Reggio con quattro omicidi (il 4 marzo un nordafricano in via Ceva; a luglio due ragazzi cinesi uccisi in stazione; in un tunisino davanti al teatro Valli).

Allora come oggi lo scontro per il dominio della vendita di stupefacenti vede come protagonisti pusher (o presunti tali) di origine africana, con in filigrana un ruolo della criminalità cinese non secondario, forse addirittura di rifornimento all’ingrosso, e di cui gli altri non sarebbero altro che “galoppini” sacrificabili. Che nuovi scenari si stiano aprendo è dimostrato dall’arrivo sul mercato della pericolosa “eroina thai” e dalla ripresa dei decessi per overdose (due in pochi mesi).

Lo scontro in atto sarebbe tra nordafricani arabofoni (tunisini, marocchini ecc) e africani provenienti da Paesi subsahariani: soprattutto Mali, Gambia, Ghana e Nigeria. A Reggio, come in altre città di dimensioni medie, non esiste più un solo luogo di spaccio: ci sono, in città, diverse aree “calde”. Certamente l’area delle Reggiane è una zona franca e tale rimarrà sino alla “bonifica” promessa dal Comune: un labirinto senza illuminazione di rifiuti e macerie con migliaia di pertugi dove nascondere stupefacenti e denaro, in cui carabinieri e polizia possono entrare solamente a piedi.

Non distante c’è la zona di via Veneri-via Gioia, in cui un immigrato disonesto può facilmente mescolarsi ai residenti stranieri. E poi piazzale Europa, dove il via vai di passeggeri dagli autobus si accompagna a una situazione di totale illegalità, con decine di giovani immigrati apparentemente sfaccendati che vendono di tutto, a richiesta anche se stessi a uomini in cerca di sesso mercenario. Una situazione di sfacciato degrado che provoca profondo disagio a chi si trova ad aspettare gli automezzi, e che si estende sull’altro lato della strada ferrata e del sottopasso. In piazzale Marconi e dintorni, sotto lo sguardo impassibile (e in alcuni casi compiacente) dei commercianti cinesi lo smercio di droga è la norma (come in quasi tutte le stazioni del mondo).

Via IV Novembre, via Eritrea, via Vecchi, via Ceva e la lunghissima via Turri sono altre aree ad alta presenza di immigrati. E così tra prostitute di strada e in mini-bordelli negli appartamenti, alloggi off-limits e traffici illegali, la zona di via Turri e intorno al supermercato coop è un’altra piazza appetibile per gli spacciatori. Ci sono poi il Parco del Popolo e la ex Caserma Zucchi, centrali e frequentate da studenti, tra i primi consumatori di droga e indirettamente responsabili della presenza dei pusher. In zona poi stazionano tossici ed ubriaconi storici ormai ridotti a barboni, che non migliorano certo la vivibilità delle scalinate prospicenti a Civici Musei e il Teatro Municipale.

Altre zone battute dagli spacciatori sono Porta Castello, con l’area tra il Seminario Vescovile e la sede Crédit Agricole sempre ben frequentata da studenti con spinelli in mano e sbandati “armati” di litri vinaccio in cartoni. A poca distanza, la zona della movida “fighetta” di Piazza Fontanesi e dintorni (viale Monte Grappa e viuzze laterali, il parcheggio ex Caam e i controviali) sono battute da spacciatori che non danno nell’occhio, pronti a rifornire giovani (e meno giovani) di cocaina.
Il parco delle Paulonie, l’ex Campo Tocci, alcune aree di viale Umberto I, il Campus San Lazzaro completano la mappa dello spaccio urbano.

Le modalità di vendita sono cambiate negli anni. I pusher sanno che devono operare con cautela in modo tale da non essere mai presi da carabinieri e polizia con molte dosi addosso: così potranno invocare davanti al giudice il possesso di una “modica quantità” e magari l’uso personale. Con questo semplice accorgimento di fatto si depenalizza la vendita di droga. Altri semplici trucchi sono la compravendita spezzata in più fasi: il compratore e il pusher si mettono d’accordo (magari per telefono, tramite whatsapp o sms), il pagamento avviene prima, la consegna della droga viene affidato a un secondo pusher quando addirittura la dose viene lasciata in un nascondiglio: fioriere, panchine, fessure nei muretti, pattumiere…

Tutto tranquillo? No, qualcosa si muove. Il 23 gennaio un ventenne maliano senza fissa dimora e un 25enne gambiano si erano affrontati uno armato di forbici l’altro di coltello in piazzale Europa, finendo in ospedale; i carabinieri parlarono di movente probabilmente legato allo spaccio. Il 24 marzo alle ex Reggiane un gambiano è stato ferito quasi a morte con coltellate all’addome da un 24maliano, poi identificato dai carabinieri, mentre un secondo gambiano era rimasto ferito in modo lieve a una mano. Al 24enne i carabinieri sono risaliti una volta appurato che l’accoltellamento “era da ricondurre a contrasti per la gestione della piazza di spaccio”. Assodato che il movente erano gli “affari” legati alla droga, i carabinieri non hanno fatto altro che scandagliare i pusher stranieri operanti nella zona delle ex Reggiane e dintorni. La rosa dei sospetti si è ristretta ulteriormente quando i militari hanno appreso che l’aggressore era un soggetto già noto: uno spacciatore che frequentava abitualmente la zona della stazione storica. L’analisi delle telecamere della stazione e le foto segnaletiche del maliano.

La sera del 26 marzo, in zona ospedale nei pressi di un bar di viale Umberto I, un cittadino tunisino 30enne e senza fissa dimora ha accoltellato un connazionale 40enne residente a Reggio, colpendolo con un fendente alla parte bassa dell’addome e perforandogli l’intestino. Nel comunicato stampa diramato dai carabinieri, gli investigatori dell’Arma spiegavano che “l’ennesimo episodio di sangue segue quello recente dell’ex reggiane e quello di piazzale Europa … sta facendo alzare il livello di attenzione da parte dei carabinieri di Reggio Emilia non escludendosi dietro tali episodi di sangue la gestione delle piazze”.

Si vuole in sintesi evitare ciò che accadeva negli anni 90 dove accoltellamenti e omicidi tra il parco del Popolo e la zona Stazione (omicidio di via Ceva) erano molto frequenti: le indagini poi ricondussero gli episodi a contrasti tra bande per la gestione della piazza dello spaccio a Reggio. A metà febbraio, vicino alla stazione ferroviaria storica, una maxi rissa tra ghanesi e nigeriani era stata stroncata rapidamente grazie all’intervento della polizia ferroviaria aiutata da ben tre pattuglie della Squadra Volanti e una pattuglia del Reparto prevenzione crimine; un intervento rapido e deciso che ha impedito il ripetersi della “guerriglia urbana” che nel settembre 2015, nella stessa zona, aveva visto nigeriani combattere a colpi di machete.