La polizia ha arrestato tre persone in una settimana

In manette una nigeriana accusata di traffico di esseri umani, un milanese 35enne che ha rubato nella ditta in cui lavora e un albanese che deve scontare sette anni di carcere

REGGIO EMILIA – La polizia ha arrestato tre persone, questa settimana, nel corso di vari servizi di straordinari di controllo del territorio nel centro con equipaggi della squadra nobile, volanti e reparto prevenzione crimine.

È finita in manette una nigeriana, destinataria di mandato di arresto europeo emesso dalle autorità belghe. La donna, apparentemente domiciliata da alcuni mesi a Reggio Emilia, era ricercata in tutta Europa per il reato di traffico di esseri umani. Più precisamente è ricercata per avere fatto entrare in Belgio alcune sue connazionali per farle prostituire dietro pagamento di cospicue somme di denaro. Le indagini, ora, si concentrano sulle ragioni per cui la donna si trovava a Reggio.

Il secondo arrestato è un milanese di 35 anni domiciliato a Reggio Emilia. L’uomo, affidato ai servizi sociali, è considerato l’autore di un furto ai danni della società dove lavora. L’uomo, poche ore dopo il furto, è stato sorpreso dalle Volanti della polizia in una sala giochi mentre giocava una rilevante somma di denaro, compatibile con quella rubata poco prima. Già destinatario di un provvedimento di affidamento ai servizi sociali, è stato arrestato e portato in carcere.

Il terzo arrestato, infine, è un albanese che, il 20 ottobre del 2017, a Reggio, era stato sorpreso, dai militari della Finanza, a detenere oltre 90.000 euro in contanti e 5 Kg di eroina. L’uomo deve scontare oltre sette anni di reclusione in carcere.