La Lega: “Vergogna, le scritte sui muri sono ancora lì” foto

Melato: "Il signor Batia Hasan aveva promesso di pulirle, ma non ha fatto nulla"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Cogliendo al balzo la palla di Fotografia Europea, evento che in questi giorni richiama molti turisti in citta’, la Lega di Reggio Emilia torna all’attacco sulle scritte sui muri in centro storico. “Lo spettacolo indecoroso delle scritte sui muri del centro citta’ non e’ cambiato anche nei giorni di Fotografia Europa, dando un senso di degrado estremo a tutti i cittadini che arrivano dai Comuni limitrofi”, dice il leghista Matteo Melato, responsabile Sicurezza del Carroccio reggiano.

“Il centro storico – aggiunge – doveva essere tirato a lucido in questi giorni per creare un contesto di decoro ad un’iniziativa che ha sempre attirato tante persone e che poteva attirare nuovi turisti per ammirare le bellezze del nostro storico”. Tornando sul caso del writer Batia Hasan, che ha scritto messaggi lusinghieri su se stesso persino sui muri del municipio, impegnandosi poi a ripulirli, Melato commenta: “La vicenda si e’ fermata alle parole, ma nei fatti non e’ successo nulla e qui ancora una volta la giunta e il sindaco, che aveva annunciato di volerlo incontrare, hanno dimostrato la poca autorevolezza e fermezza politica davanti ad un gesto deprecabile. Vorrei sapere anche se il sindaco, oltre ad utilizzare l’ufficio legale del Comune per denunciare gli oppositori politici, lo abbia utilizzato anche per denunciare Batia Hasan per questi atti”.

Secondo la Lega dunque “questa sarebbe un’azione doverosa da parte di un sindaco che vuole tutelare la propria comunita’ attuando tutte le misure necessarie, anche quelle legali, per contrastare gesti di incivilta’ estrema”. Intanto e’ imminente l’avvio dei lavori di pulizia di alcuni edifici del centro, da parte dei volontari formati da Confedilizia.

Più informazioni su