Dramma a Casalgrande, uccide la moglie e poi si toglie la vita

Luigi Marazzi, 71 anni, ha colpito mortalmente la moglie, Maria Fulvia Baroni, 64 anni, con un corpo contundente e poi si è ucciso gettandosi nel vuoto

CASALGRANDE (Reggio Emilia) – Lui, Luigi Marazzi, 72 anni, è stato trovato morto, stamattina alle 7, nel cortile davanti all’ingresso di una palazzina in via Botte a Casalgrande. La moglie, Maria Fulvia Baroni, 64 anni, è stata rinvenuta in casa, senza vita, colpita da un corpo contundente.

Ad accorgersi della tragedia i vicini che hanno trovato il corpo senza vita dell’uomo, in strada, stamattina verso le 6.30, e hanno chiamato i carabinieri e i soccorritori che, quando sono arrivati sul posto, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dei coniugi.

La donna, a quanto si apprende, era malata da tempo e aveva bisogno di cure e assistenza. In casa sono stati trovati due biglietti: uno in cui l’uomo si scusava per il gesto che aveva fatto e diceva di chiamare la figlia e l’altro dedicato alla figlia in cui si giustificava per l’atto compiuto.

I carabinieri, giunti sul posto, stanno indagando per omicidio coordinati dal sostituto procuratore Giacomo Forte. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo ha ucciso la moglie con un corpo contundente e poi si è tolto la vita gettandosi dal tetto della casa. Lo proverebbero i numerosi traumi ossei agli arti e alle costole che sono compatibili con una caduta da una certa altezza.

I due coniugi abitavano in una palazzina a poca distanza dal Comune di Casalgrande e sono vicini di casa del deputato del Pd Andrea Rossi, ex sindaco di Casalgrande.