Vigili, in campo una task force contro il degrado

E' composta da 2 ispettori e 6 agenti che, in borghese, agiscono contro abusivismo, prostituzione e vandali

REGGIO EMILIA – Nella Polizia municipale di Reggio Emilia c’e’ una nuova “task force” contro il degrado. E’ composta da 2 ispettori e 6 agenti (sia uomini che donne), che dai primi di marzo agiscono in borghese a supporto degli operatori di presidio nelle strade, contro vandalismi, prostituzione, abusivismo commerciale e accattonaggio e violazioni delle ordinanze del sindaco antialcol e antibivacco.

La squadra, voluta a fine febbraio dal comandante Stefano Poma, riprende la “gloriosa” esperienza del nucleo antidroga (tuttora operativo con personale in borghese) ed e’ frutto di una riorganizzazione interna dell’organico del comando. Ma a renderne possibile la creazione sono state soprattutto le nuove assunzioni avvenute a inizio mese, che hanno portato in via Brigata Reggio 7 nuovi ispettori. Il piano di reclutamento di nuovi agenti, sottolinea pero’ Poma, non si ferma.

Entro l’anno e’ previsto l’arrivo di un’altra ventina di unita’ che portera’ l’organico della municipale di Reggio al livello previsto di 170 uomini. “Con la nuova squadra – spiega il comandante – creiamo una sorta di ‘intelligence’ in borghese che aiutera’ gli agenti sul territorio per fare quello che gia’ facevamo. Solo che prima utilizzavamo anche risorse che venivano sottratte al presidio delle strade”. E i risultati di questi primi giorni di attivita’, conclude il comandante, “gia’ si vedono: basti pensare al writer identificato qualche giorno fa che ha imbrattato anche il municipio e i controlli in zona stazione con l’unita’ cinofila, un servizio che vogliamo potenziare fino ad almeno due volte la settimana”.

Per il sindaco Luca Vecchi “questo progetto e’ una dimostrazione di concretezza e corrispondenza tra impegni presi e risultati prodotti”. Ma parlando di sicurezza, sottolineano il sindaco e l’assessore delegato Natalia Maramotti, sono tante le iniziative gia’ messe in campo o realizzate. Vengono citate le nuove 250 telecamere ad alta definizione per la videosorveglianza in centro storico, “progetto che valutiamo di estendere ad altre parti della citta’”, e la costituzione dei gruppi di controllo di comunita’ “che ad oggi coinvolgono diverse centinaia di cittadini e a Massenzatico anche i richiedenti asilo ospitati nel quartiere”.

La conferenza stampa di stamattina

In “tempi non lunghi”, annuncia infine il sindaco, “presenteremo la nostra scelta per trasferire il comando della polizia municipale nella zona problematica della stazione ferroviaria, per un investimento di alcuni milioni di euro, come avevamo annunciato l’estate scorsa”.