Vicini si prendono a pugni a una riunione di condominio

E' successo negli uffici dell’amministratore dove profondi dissapori fra vicini di un condomino di Reggio Emilia sono sfociati in un violento litigio

REGGIO EMILIA – Se il pianerottolo è la palestra di malumori e dispetti tra vicini, la riunione di condominio diventa il ring dove si sfoga la rabbia dei condòmini, costretti a sopportarsi a vicenda e a mediare fra la propria libertà e quella altrui. Non è stato pugilato professionistico, certo, ma un’accesa lite bella e buona quella che si che si è consumata ieri sera negli uffici di un amministratore di condomini dove si stava svolgendo un’assemblea.

All’ordine del giorno non c’erano i dissapori che covavano tra due condomini, ma a un certo punto dell’assemblea i due hanno incominciato a discutere dei reciproci disturbi che erano “costretti” a vivere quotidianamente nei rispettivi appartamenti (rumori causati da chi cammina con i tacchi, bambini che urlano etc..). Dalle parole si è presto passati alle mani con uno dei due condomini finito a terra e rimasto ferito, tanto da vedere l’intervento di un’ambulanza che ha portato l’uomo in ospedale per le cure del caso (per lui 7 i giorni di prognosi diagnosticatigli).

Sul posto, per evitare che la vicenda degenerasse ulteriormente, sono intervenuti anche i carabinieri. Dall’ufficio dell’amministratore del condominio, dove si stava svolgendo l’assemblea, all’aula del Tribunale di Reggio, il passo potrebbe essere breve se i due contendenti decidessero di ricorrere alle vie legali.