Mdp accusa: “Disservizi al call center di Iren”

Il capogruppo Lanfranco De Franco ha presentato un'interpellanza: "Cittadini rimbalzati da un operatore all'altro senza comunque riuscire a ricevere risposte adeguate ai loro quesiti"

REGGIO EMILIA – “La distanza crescente di Iren dai cittadini e’ un problema di primaria importanza per il nostro territorio”. Lo afferma Lanfranco de Franco, capogruppo di Articolo 1-Mdp in Consiglio comunale a Reggio Emilia, che ieri ha depositato un’interpellanza riguardo ai disservizi del numero verde dedicato ai clienti della multiutility segnalati da diversi cittadini reggiani, che di fatto vengono rimbalzati da un operatore all’altro senza comunque riuscire a ricevere risposte adeguate ai loro quesiti.

“Questo tipo di comportamenti sono particolarmente fastidiosi per l’utenza – si legge nell’atto depositato da de Franco- anche e soprattutto quella anziana, che spesso trova difficolta’ nel districarsi tra le proposte contrattuali e nella lettura delle bollette, a maggior ragione ora che siamo nella delicata fase di passaggio verso il mercato libero”.

Iren, “partecipata del nostro Comune in cui esprimiamo un consigliere di amministrazione e il vicepresidente, in quanto azienda legata al territorio e attiva in settori fondamentali della vita quotidiana, dovrebbe avere particolarmente a cuore un servizio efficiente e puntuale di risposta all’utenza”, aggiunge De Franco. Per questo il capogruppo di Articolo 1 chiede al sindaco di Reggio Emilia e alla giunta di verificare “se siano arrivate al Comune segnalazioni del disservizio in oggetto e quali azioni l’amministrazione intenda intraprendere verso il gestore al fine di tutelare il diritto degli utenti a un servizio puntuale e soddisfacente”.

E soprattutto se le inefficienze segnalate siano frutto di “processi di riorganizzazione, come quello proposto per il servizio idrico integrato da Ireti, finalizzate a ridurre i presidi sul territorio e spostare i servizi di raccolta delle chiamate dell’utenza in pochi centri”.