Maltempo, dopo la neve arriva la pioggia gelata

Già a partire dalle ore serali di oggi, avverte la protezione civile, sono infatti previste precipitazioni di pioggia che gela

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Dopo la neve ora il problema potrebbe essere rappresentato dal gelicidio. Già a partire dalle ore serali di oggi, avverte la protezione civile, sono infatti previste precipitazioni di pioggia che gela sulle colline e i rilievi romagnoli. Nella prima parte della giornata di domani, venerdì, un nuovo impulso perturbato apporterà precipitazioni estese all’intero territorio regionale che tenderanno ad esaurirsi nella seconda parte della giornata. “I fenomeni sono previsti a carattere di neve sulle province occidentali, mentre sul restante territorio si avranno fenomeni di pioggia che gela al suolo. Nelle aree con accumulo di neve, al termine delle precipitazioni, saranno possibili gelate al suolo”.

A Reggio le strade sono pulite
La neve che sta cadendo da questa mattina sulla nostra provincia non sta provocando grossi disagi in pianura. Nel capoluogo le strade provinciali sono già pulite. La precipitazione dovrebbe esaurirsi in serata quando, complessivamente, saranno caduti circa una ventina di centimetri in pianura. Ci sono invece accumuli fino a 50 centimetri sui rilievi.

Traffico garantito anche se rallentato
Traffico garantito, anche se rallentato, questa mattina su tutti i quasi mille chilometri di strade gestiti dalla Provincia di Reggio Emilia. Al lavoro già dalla notte, con le operazioni di salatura, la task-force antineve che anche quest’anno la Provincia di Reggio Emilia ha predisposto, formata da 129 lame, 62 salatori e 2 frese, oltre a 37 uomini, tra tecnici (6), sorveglianti (12) ed operai stradali (19), in aggiunta alle pattuglie della Polizia provinciale.

Di prima mattina le temperature particolarmente basse non hanno consentito di portare “a nero” il piano viabile, operazione resasi via via possibile con il trascorrere delle ore e l’innalzamento della temperatura. Il traffico sulle strade della provincia, anche se rallentato, è avvenuto regolarmente, favorito anche dal blocco della circolazione dei mezzi con massa superiore alle 7,5 tonnellate disposto dalla Prefettura.

Qualche problema per la viabiiltà in montagna

Proprio due mezzi pesanti hanno creato problemi sulla Sp 20 tra San Sisto e Poviglio – dove di prima mattina un camion si è adagiato di fianco ma in banchina, senza dunque bloccare la circolazione – e nel primo pomeriggio sulla Sp 513 a Cola di Vetto. Verso le 14.30 un autoarticolato è infatti rimasto bloccato dalla neve e al momento il traffico è regolato dalla Polizia provinciale nell’attesa che i mezzi antineve consentano all’autista di ripartire e raggiungere un’area di sosta.

Scuole aperte
Le scuole, a differenza di quanto accaduto a Rimini, Forlì, Ferrara e Ravenna dove si è optato per la chiusura, questa mattina nella nostra provincia sono rimaste aperte anche se le assenze di alunni sono state abbastanza numerose. Dovrebbero restare aperte anche domani.

Venerdì circolazione ridotta al 50 per cento dei treni locali
A seguito dell’allerta meteo in atto, Fer srl ha previsto la riprogrammazione dell’offerta commerciale dei treni sulla rete regionale, che – anche nella giornata di venerdì 2 marzo – sarà ridotta complessivamente di circa il 50% in relazione al livello di emergenza, esattamente in conformità con quanto effettuato oggi. Sarà riprogrammazione interesserà il servizio dei treni TPER sulle linee della rete di competenza FER Bologna-Portomaggiore, Bologna-Vignola, Ferrara-Suzzara, Ferrara-Codigoro, Reggio Emilia-Guastalla, Reggio Emilia-Sassuolo, Reggio Emilia-Ciano d’Enza, Modena-Sassuolo e Parma-Suzzara.

Iren, intanto, informa che “le avverse condizioni metereologiche di queste ore costringono a sospendere per il pomeriggio di oggi 1° marzo e per tutta la giornata di domani 2 marzo il servizio di distribuzione del materiale per la raccolta differenziata (sacchi giroverde, sacchi per rifiuto organico, pattumiere e sottolavelli) effettuato con i punti mobili nel Comune di Reggio Emilia”.

Più informazioni su