Intrappolati dalla neve nell’albergo a 1500 metri

La proprietaria Arianna Ceccardi e il cuoco di origini bergamasche sono stati isolati da una slavina sulla strada provinciale 18

Più informazioni su

VENTASSO (Reggio Emilia) – Da ieri mattina l’albergo Capre Diem è isolato in una delle zone più impervie della montagna reggiana, il passo Pradarena, a 1.500 metri di quota, lungo la provinciale 18 che porta da Ospitaletto al confine con la provincia toscana di Lucca.

Intrappolati nella struttura ci sono la proprietaria, Arianna Ceccardi e il cuoco, di origine bergamasche. I due, in vista del weekend, stavano sistemando l’albergo per ricevere gli ospiti che ora difficilmente arriveranno. Oggi infatti era prevista una ciaspolata notturna dedicata al lupo con incontro con un esperto e cena.

Il Carpe Diem si stava preparando per ricevere 50 persone a cena, 30 ospiti in camera e 40 per la ciaspolata e ora dovrà probabilmente rivedere i suoi piani. La proprietaria e il cuoco, comunque, stanno bene e hanno provviste. Spalaneve, stradini, camion, si sono messi in azione immediatamente dopo la valanga e alle 13.30 sono arrivati al rifugio, dove i sette operai, per pranzo, sono stati gli unici ospiti del ristorante.

Più informazioni su