Bosi: “Tutti occupati i 400 lavoratori di Coopsette”

Il vicepresidente di Legacoop: "Solo una ventina sono ancora senza lavoro"

REGGIO EMILIA – A tre anni dal crack di Coopsette, quasi tutti gli ex lavoratori sarebbero ora nuovamente occupati. Dei 400 addetti del colosso cooperativo reggiano affondato nel 2015 sotto il peso dei debiti, infatti, solo una ventina sarebbe tutt’ora a carico della gestione liquidatoria, mentre il resto avrebbe trovato un nuovo lavoro “anche se non con piena soddisfazione”.

A dirlo il vicepresidente di Legacoop Emilia Ovest Luca Bosi, che sottolinea anche l’esperienza delle nuove realta’ nate in questi anni con l’acquisizione delle aziende in crisi da parte degli stessi dipendenti (i cosiddetti workers buyout). Un esempio, sostiene Bosi, “che puo’ essere esportato anche nel settore privato”.