Affitto stadio, Lega Nord e Civici contro Vecchi

Melato e la Rubertelli: "Il sindaco deve intervenire, ha pure la delega allo sport"

REGGIO EMILIA – La Lega Nord e i Civici attaccano il sindaco Luca Vecchi dopo le dichiarazioni odierne del presidente della Reggiana, Mike Piazza, che ritiene troppo oneroso l’affitto che deve pagare al Sassuolo per lo stadio Città del Tricolore.

Scrive Matteo Melato, vicesegretario provinciale del Carroccio: “Quello che sta succedendo nella vicenda stadio era ampiamente prevedibile quando questa storia è cominciata con l’acquisizione della struttura da parte della Mapei. Più volte ho sollecitato il sindaco ad intervenire in quanto lui stesso detiene la delega allo Sport pertanto credo che sia lui che debba intervenire in prima persona per mettere al tavolo Reggiana e Sassuolo per trovare un accordo per il bene della città. Ritengo inoltre fuori luogo questo atteggiamento del Sassuolo Calcio che non tiene conto del contesto sociale in cui si è inserito o per meglio dire in cui avrebbe voluto inserirsi. Come testimoniano le presenze allo stadio, questa operazione non è andata a buon fine anche per l’atteggiamento poco collaborativo che ha tenuto con la Reggiana Calcio”.

Per il consigliere comunale Civico, Cinzia Rubertelli, è “assurdo ed inaccettabile che si sia arrivati al punto che la Reggiana Calcio debba pensare di lasciare Reggio a causa di soggetti privati che stanno usando un bene pubblico, di fatto in concessione, utilizzandolo come una clava contro il team della città che li ospita. Vergognoso che un problema, perchè di questo si tratta, creato dal Pd, segnatamente dall’ex sindaco ora ministro Delrio, veda il totale disinteresse dell’attuale sindaco di quel partito”.

Aggiunge Melato: “Occorre rispetto per quanto fatto dai reggiani per lo stadio che loro ora hanno in mano, in quanto gli abbonamenti pluriennali hanno contribuito in maniera decisiva alla costruzione di esso. E’ inaccettabile che il sindaco si nasconda dietro alla scusa che è una vicenda tra privati perchè, anche se è vero che esiste un contratto stipulato, la Reggiana Calcio è un patrimonio della nostra città che deve essere tutelato in quanto simbolo di storia calcistica e aggregazione sociale tra i reggiani. La possibilità che la Reggiana debba traslocare in un’altra città e in un altro stadio rappresenterebbe una perdita gravissima e un fallimento per l’intera città in cui il sindaco è rimasto a guardare. Occorre inoltre appoggiare e sostenere con ogni mezzo l’operato del presidente Mike Piazza e il suo progetto che mai nessuno prima aveva messo in pista. La Lega appoggia in pieno quanto sta facendo per la nostra squadra e per la nostra città e lo invitiamo a non mollare in quanto tutti i tifosi sono con lui. Una volta sconfitto il PD alle amministrative del prossimo anno, la Lega riterrà doveroso mettere al tavolo le due parti per trovare un accordo che soddisfi tutti”.

 

Conclude la Rubertelli: “La tesi che si tratti di questioni private non regge: in primo luogo perchè ad esempio per l’arena campovolo, che tanto sta a cuore a Vecchi, sono persino stati trovati fondi pubblici per sostenere un progetto privato. In secondo luogo perchè stiamo parlando di un bene, lo stadio, che è pubblico, costruito dai reggiani anche con risorse pubbliche e che rientrerà nel patrimonio del Comune, di cui quindi un sindaco non può disinteressarsi. Questa farsa deve cessare: o Vecchi si da una mossa o se non è all’altezza di difendere gli interessi e gli investimenti della nostra città si dimetta”.