Ruba negli uffici dell’Inps, arrestato noto pregiudicato

Oreste Covili, 51 anni, colto in flagranza dalla polizia nella sala d'aspetto

REGGIO EMILIA – Un noto pregiudicato, Oreste Covili, 51 anni, è stato colto in flagrante, ieri mattina, dopo che era entrato nella sede dell’Inps di via della Previdenza sociale per rubare. La polizia era appostata lì, perché il 12 dicembre scorso il direttore dell’Inps, dopo una serie di intrusioni nella sede aveva denunciato l’accaduto alla polizia.

Durante le indagini il 21 e il 28 gennaio scorsi i furti erano continuati. In queste occasioni erano stati rovistati gli uffici e saccheggiati del loro contenuto i distributori di bevande e merendine. Ieri mattina il personale investigativo della Digos ha effettuato un servizio di appostamento nella sala d’aspetto dell’Inps.

Verso le nove Covili, dopo aver forzato una finestra del piano terra, parzialmente travisato da una cuffia calata sugli occhi, è entrato nella sala d’aspetto dove è stato raggiunto e bloccato. L’uomo, che è stato arrestato, è noto, perché autore di reati contro l’incolumità pubblica, per aver appiccato incendi ad uffici ed abitazioni e reati contro il patrimonio.

Non si esclude che nel corso dei furti siano stati rubati anche documenti sensibili. Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare se l’arrestato sia responsabile anche del furto nella sede del Partito Democratico di via Candelù, che si trova a poche centinaia di metri dal palazzo dell’Inps, avvenuto tra il 28 e il 29 agosto 2017.

L’arrestato è stato messo ai domiciliari nella sua abitazione in attesa del processo che si terrà oggi.