Quantcast

Poviglio, i bimbi della materna ringraziano i carabinieri foto

Il gesto a seguito del ritrovamento e della restituzione del materiale didattico rubato alla scuola materna La Ginestra di Poviglio

POVIGLIO (Reggio Emilia) – Fuori programma, ieri mattina, nella sede dei carabinieri del comune di Poviglio. A suonare alla porta della caserma non un cittadino angosciato per il furto subito o per lo smarrimento di documenti, ma 18 bambini della scuola materna “La Ginestra” che, accompagnati dalle loro maestre, hanno voluto dire grazie ai loro carabinieri per aver trovato e restituito tutto il materiale didattico, del valore di circa 10.000 euro, rubato la notte del 25 gennaio scorso dall’interno della scuola.

In particolare i bambini hanno voluto consegnare ai carabinieri due cartelloni, da loro amorevolmente preparati, nei quali manifestano, il loro ringraziamento ai militari. Cartelloni che i carabinieri di Poviglio hanno subito affisso ai muri della caserma. La visita si è quindi conclusa con i militari che hanno colto l’occasione per offrire ai piccoli ospiti una merenda. Buona parte della refurtiva era stata trovata nell’immediato dai carabinieri la mattina del 25 gennaio durante il sopralluogo di furto.

L’intuito dei militari di far squillare il cellulare rubato alla materna del paese aveva portato i carabinieri, grazie allo squillo del cellulare, ha trovare nascosta tra i cespugli dell’attiguo parco buona parte di refurtiva costituita da cui 4 stampanti, alcuni computer portatili, 3 cornici digitali, una decina di chiavette usb, e due tablet.

All’appello mancavano una cuffia audio, un tablet, un computer portatile, 3 macchine fotografiche digitali e una macchina fotografica professionale che a distanza di una settimana gli stessi carabinieri di Poviglio hanno trovato, durante il controllo del territorio, all’interno di un’autovettura in disuso, prossima alla demolizione, parcheggiata vicino al cimitero del paese. Tutto il materiale didattico sottratto era stato quindi restituito alla scuola.

Ieri mattina la gradita iniziativa dei bambini che presentatisi in caserma hanno voluto ringraziare i carabinieri. Sul fronte investigativo finalizzato a identificare i ladri i carabinieri di Poviglio sperano di trovare la svolta nelle indagini scientifiche: in campo sono scesi i RIS di Parma a cui i carabinieri di Poviglio hanno inviato le impronte repertate in sede di sopralluogo per le dovute comparazioni con quelle dei soggetti censiti in banca dati.