La Grissin Bon sconfigge in volata la Dinamo Sassari: 65-63

In un finale serratissimo la spuntano i biancorossi grazie al canestro di Della Valle a due secondi dal termine

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – La Dinamo Sassari ha sottovalutato il muro difensivo granata, ma soprattutto la classe di Amedeo Della Valle al quale sono bastati due secondi per suggellare il successo bianco-rosso. Ora occhi puntati all’Asvel Lyon-Villeurbanne.

Primo quarto
Cervi, Della Valle, Llompart, Nevels, White i prescelti da coach Menetti per affrontare la Dinamo Banco di Sardegna Sassari che dal canto suo propone il quintetto costituito da Bostic, Hatcher, Jones, Pierre, Polonara (ex di turno rimasto nei cuori dei reggiani). Entrambe le formazioni, sin dalle prime battute di gioco, commettono diverse imprecisioni sotto canestro tanto da far infuriare i rispettivi mentori. Improvvisamente il match volta pagina con una pioggia di canestri. Il primo atto si chiude sul parziale di 15 a 14.

Secondo quarto
Una bomba di Candi e la super stoppata di Reynolds non bastano a scaldare il popolo di Reggio Emilia in quanto Planinic equalizza il risultato. Il traghettatore Menetti non esita ad invocare il time-out. Spissu porta avanti i sui di sei lunghezze, ma provvede Wright ad accorciare le distanze mandando tutti negli spogliatoi all’intervallo sul punteggio di 30 a 33.

Terzo quarto
Qualche errore di troppo commesso dagli autoctoni consente alla Dinamo di portarsi sul +7 (32 a 39). Nonostante dagli spalti si odano cori di incoraggiamento indirizzati ai bianco-rossi, da evidenziare come le rituali geometrie della Grissin Bon non riprendono vita. Si annotino sul brogliaccio il fallo antisportivo fischiato a Polonara e il fallo tecnico a Reynolds. Il terzo step si chiude sul 48 a 55.

Quarto quarto
Il ferro è l’unico ostacolo che frena l’azione da manuale per mano di Wright. Sale in cattedra Nevels che porta i propri compagni a toccare il -1 (54 a 55) costringendo così Pasquini a richiamare i suoi in panchina. Sul parquet il gioco non brilla, ora più che mai l’errore del singolo può costare caro. Si succedono in sequenza i due liberi non trasformati da Juju, i tre punti sfumati da Spissu e il sigillo di Della Valle che chiude il sipario sul definitivo 65 a 63. E ora sguardo verso l’orizzonte, l’ Europa.

Il tabellino

GRISSIN BON REGGIO EMILIA – DINAMO BANCO DI SARDEGNA SASSARI: 65 – 63

GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Bonacini, Candi 8, Mussini 6, Della Valle 10, Llompart 4, Wright 11, White 13, Cervi 2, Nevels 9, Reynolds 2. Allenatore: Menetti.

DINAMO BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Bostic 4, Planicic 5, Spissu 14, Devecchi, Bamforth 10, Pierre 2, Polonara 6, Jones 12, Picarelli, Stipcevic, Tavernari 5, Hatcher 4. Allenatore: Pasquini.

Arbitri: Dino Seghetti, Alessandro Martolini, Denis Quarta.

Parziali: 15 – 14; 15 – 19; 18 – 22; 17 – 8

Note: fischiato fallo antisportivo al 23’ a Polonara, tecnico al 27’ a Reynolds. Tiri da tre: Grissin Bon Reggio Emilia 7/14, Dinamo Banco di Sardegna Sassari 5/21; tiri liberi: Grissin Bon Reggio Emilia 10/17, Dinamo Banco di Sardegna Sassari: 8/9.

Più informazioni su