Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Esorcismi e violenza sessuale su donne, arrestato sacerdote

Nel Casertano: abusi anche su minorenne. Ai domiciliari anche genitori vittima e un dirigente della polizia

REGGIO EMILIA – Un sacerdote del Casertano di 42 anni, don Michele Barone, è stato arrestato con l’accusa di aver compiuto “medievali e brutali riti esorcisti” su numerose donne, tra cui una minore e una giovane, le cui modalità – secondo la Procura di Santa Maria Capua Vetere – hanno concretizzato la realizzazione della violenza sessuale aggravata. Ai domiciliari sono finite altre tre persone, due delle quali sono genitori della minore vittima e un dirigente della Polizia, amico del sacerdote.

Del caso di don Michele Barone si sono occupati anche Le Iene. Dopo un loro servizio in cui avevano raccolto la denuncia di una ragazza che voleva salvare la sorellina 13enne dagli esorcismi del sacerdote. Dopo il servizio Gaetano Pecoraro don Michele era anche stato sospeso per un anno dal suo ministero ecclesiale con una decisione del vescovo Angelo Spinillo.

Secondo la redazione de Le Iene, don Michele è in carcere mentre i genitori della 13enne al centro della loro inchiesta sono ai domiciliari. Come anche l’agente Luigi Schettino, che aveva provato a frenare le indagini. Il caso non riguarderebbe solo la ragazzina ma numerose altre donne. Secondo la Procura don Michele Barone avrebbe generato “nelle giovani donne la convinzione di essere possedute dal demonio”, sottoponendole “a trattamenti disumani e profondamente lesivi della loro integrità fisicopsichica, nonché della loro dignità”. Inoltre, le vittime sarebbero state costrette a subire numerosi atti sessuali contro la loro volontà.