Confedilizia chiede ai candidati incentivi stabili per ristrutturazioni

La Confederazione vuole anche la cedolare secca per tutti i contratti di locazione

REGGIO EMILIA – Cedolare secca per tutti i contratti di locazione e stabilizzazione nel tempo degli incentivi per interventi di riqualificazione edilizia con la certezza che, anche se completati in piu’ anni, potranno beneficiare delle stesse detrazioni. Sono due delle principali proposte lanciate ieri dalla presidente di Confedilizia Reggio Emilia Annamaria Terenziani ai rappresentanti dei diversi partiti politici, Gianluca Nicolini (Forza Italia), Silvia Prodi (Leu), Maino Marchi (Pd), Gianluca Vinci (Lega) Andrea Pasini (Udc) e Marco Dallari (Pri), nel corso di un dibattito nella sede dell’associazione.

“Sono proposte – spiega Terenziani – la cui realizzazione avrebbe effetti benefici anche nella nostra situazione locale. Si pensi, ad esempio, alla cedolare secca per tutti i contratti di locazione, provvedimento che aiuterebbe a ripopolare il centro storico, sia di residenti sia di attivita’ commerciali”.

Tutti i partiti, in sostanza, concordano sulle misure lanciate dall’associazione, mentre Silvia Prodi (Leu) ha avanzato una proposta di una tassa patrimoniale progressiva. Sul tema delle riqualificazioni, invece, e’ unanime il giudizio su un problema di accesso al credito, che se risolto contribuirebbe a rendere piu’ efficaci gli incentivi per le ristrutturazioni.