Quantcast

Traffico, per la mobilità sostenibile arrivano 1,6 milioni

Il deputato Pd, Paolo Gandolfi: "Risorse prosposte in collegato ambientale a Finanziaria"

REGGIO EMILIA – Incentivare chi usa un mezzo alternativo all’auto negli spostamenti tra casa e il lavoro, completare la pista ciclopedonale di Bagno, ridurre traffico e inquinamento dei poli scolastici di via Makalle’ e Zanelli e potenziare la rete dei mobility manager scolastici. Questi gli obiettivi finanziati a Reggio Emilia dal Governo, con risorse per un milione di euro, nell’ambito del cosiddetto ‘collegato ambientale’ alla legge di stabilita’, su proposta del deputato reggiano Paolo Gandolfi (Pd).

Al finanziamento statale partecipera’ anche il Comune di Reggio con 680.000 euro. Le azioni sono in particolare contenute nel progetto comunale Re Clacs (Reggio Emilia Casa Lavoro Casa Scuola), che punta a realizzare nuove politiche di governo della mobilita’ sostenibile con un progetto integrato tra piani infrastrutturali (come il completamento di piste ciclabili) e azioni per cambiare i comportamenti individuali (diminuire l’uso dell’auto privata). Reggio era stata esclusa dalla prima tranche di finanziamenti statali del 2016, ma con l’ultima legge di stabilita’ il ministero dell’Ambiente ha finanziato una nuova serie di progetti inizialmente esclusi.

“Il programma nazionale di mobilita’ sostenibile negli spostamenti casa scuola e casa lavoro- afferma Gandolfi- attivato su mia proposta dal ministero dell’Ambiente, ha avuto grande successo in tutta Italia, per questo ho chiesto di rifinanziarlo con altri 55 milioni di euro, coprendo anche i progetti che inizialmente non erano stati finanziati”. Il progetto di Reggio, inoltre, “potra’ sperimentare anche l’innovativo buono mobilita’, introdotto con l’ultima legge di stabilita’”, informa il parlamentare.