Litiga col padre ed evade dai domiciliari: 18enne in carcere

Il giovane stato arrestato dai carabinieri di Casalgrande, a novembre dello scorso anno, per una serie di scippi, borseggi e furti su auto ed aveva ottenuto i domiciliari

CASALGRANDE (Reggio Emilia) – Nuovi guai per un ladro seriale diciottenne che, dopo una lite in famiglia, evade dai domiciliari e finisce in carcere. Il giovane era stato arrestato dai carabinieri di Casalgrande a novembre dello scorso anno per una serie di scippi, borseggi e furti su auto ed aveva ottenuto i domiciliari.

Il 16 novembre scorso gli era stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari per una grave serie di reati contro il patrimonio commessi tra settembre ed ottobre dell’anno scorso a Casalgrande, nel comprensorio ceramico reggiano. Il 6 gennaio scorso però il 18enne, dopo un acceso litigio con il padre, si era allontanato dal luogo della detenzione domiciliare facendovi rientro nella notte, soltanto dopo molte ore.

Per questi fatti, contemplandosi il reato di evasione, i carabinieri della stazione di Casalgrande l’hanno denunciato alla Procura reggiana che ha richiesto ed ottenuto dal GIP del tribunale di Reggio Emilia l’aggravamento della misura concretizzatosi con l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che l’altra mattina è stata eseguito dai carabinieri di Casalgrande che hanno condotto il 18enne in carcere.

Il 18enne era ai domiciliari dal 16 novembre scorso, dato che era accusato del furto con strappo di una catenina d’oro, di un tentato scippo, un borseggio e un tentato furto su autovettura compiuti tra il 25 settembre e il 13 ottobre 2017 a Casalgrande.