Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

La Turchia attacca i curdi siriani

Contro l'enclave curda di Afrin nel nord ovest del paese. "Poi toccherà a Manbij", annuncia Erdogan. Jet in azione. L'Osservatorio siriano per i diritti umani: "Ci sono vittime civili"

REGGIO EMILIA – I caccia turchi hanno dato il via all’offensiva aerea contro la regione di Afrin, enclave curda in Siria già attaccata via terra. Lo ha detto il primo ministro turco Binali Yildirim. Un portavoce delle milizie curde aveva già confermato che le forze turche avevano cominciato a colpire le località curde di Afrin dalla scorsa mezzanotte. Secondo il ministro della Difesa turco Nurettin Canikli, Ankara non ha avuto altra scelta che decidere di cacciare “elementi terroristi” dal nord della Siria.

In precdenza il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva annunciato che le forze armate turche avevano iniziato ‘de facto’ “un’operazione anti-terrorismo” di terra contro le postazioni curde nell’enclave di Afrin, nel nord-ovest della Siria. L’esercito di Ankara era già schierato al confine siriano, e le autorità avevano avvertito che l’offensiva a Afrin era imminente.