Sicurezza stradale, i calendari realizzati con gli studenti

I ragazzi del 'Chierici' e del 'Blaise Pascal' li hanno disegnati per promuovere la conoscenza delle regole del Codice della strada nelle scuole

REGGIO EMILIA – Sono in distribuzione in tutte le classi elementari di Reggio Emilia e provincia i calendari sull’educazione stradale progettati dagli studenti degli istituti superiori Blaise Pascal e Gaetano Chierici in collaborazione con la Polizia municipale di Reggio Emilia.

Sono sette gli elaborati realizzati per sensibilizzare i più giovani sul tema della sicurezza in strada, sia come pedoni e ciclisti che come automobilisti: stampati in 1.500 copie, i calendari nascono da una rielaborazione grafica delle campagne di comunicazione promosse in questi ultimi anni per fare comprendere quanto sulla strada il rispetto delle regole è il rispetto per la vita. Lo scopo è quello di presentare, attraverso slogan accattivanti e illustrazioni d’impatto, spunti di riflessione sulle gravi conseguenze che possono avere alcuni comportamenti scorretti come non utilizzare il casco, le cinture di sicurezza o non accendere i fanali della bici.

I calendari sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte l’assessore a Educazione e Conoscenza Raffaella Curioni, l’ispettore superiore della Polizia municipale Marzia Prandi e Maria Pia Pieracci, dell’Ufficio scolastico provinciale.

“Voglio ringraziare la Polizia municipale di Reggio Emilia per lo straordinario impegno e l’Ufficio scolastico provinciale per aver lavorato insieme al Comune nella realizzazione di questo progetto – ha detto l’assessore Curioni – Questo percorso di formazione sull’educazione stradale è molto importante nella formazione di futuri cittadini maturi e consapevoli perché insegna, oltre al rispetto delle regole della strada, anche quello della convivenza con le altre persone e soprattutto la sicurezza dei comportamenti collettivi. Il valore aggiunto di questo progetto è infine quello di mettere in luce il protagonismo dei ragazzi, che da semplici fruitori diventano attori nel dare idee, messaggi e immagini”.

“L’impegno della Polizia municipale sul fronte dell’educazione stradale – ha detto l’ispettore Prandi – è prioritario per fare capire a bambini e adolescenti che gli agenti non sono soltanto le persone che elevano le multe e sanzionano gli automobilisti, ma possono essere figure amichevoli capaci di trasmettere messaggi importanti, come il rispetto delle regole e, quindi, della vita”.

La realizzazione dei calendari sull’educazione stradale si inserisce nel percorso avviato già da tempo dalla Polizia municipale di Reggio Emilia nelle scuole per la realizzazione di azioni volte a sensibilizzare studenti e famiglie. Tra queste, ultime nell’ordine di tempo sono state l’Edustratombola, il gioco di abilità e conoscenza sulle regole del Codice della strada, e il concorso di scrittura creativa e con tavole grafiche, giunto alla quarta edizione, sulla sicurezza stradale. Il concorso, giunto alla quarta edizione e promosso in collaborazione con l’Ufficio scolastico territoriale di Reggio Emilia, è rivolto a tutti gli alunni delle scuole primarie del comune di Reggio Emilia e agli studenti del liceo artistico “Gaetano Chierici”. L’obiettivo è rafforzare il dialogo con le nuove generazioni sul tema dell’educazione stradale, favorendo la loro creatività e l’utilizzo dei nuovi.

Sono in tutto 400 le ore di formazione realizzate dalla Polizia municipale in venti istituti scolastici di ogni ordine e grado, sui temi dell’educazione stradale a Reggio Emilia e provincia.