La Reggiana schianta anche il Teramo: 2-1

A bersaglio, per i granata, vanno Altinier (al suo sesto centro in campionato) e Carlini. Il goal bandiera per gli abruzzesi arriva dal sinistro di Bacio Terracino. Eberini: “Bisogna stare con i piedi per terra”

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – E’ un dato di fatto: la Reggiana è sulla retta via, la via della serie B. Sta di fatto che il passaggio nella categoria superiore non sembra più un miraggio, a fronte anche della battuta d’arresto della capolista Padova dinanzi al Gubbio. In attesa dello svolgersi delle altre gare in programma la Regia agguanta il quarto posto in classifica e un bottino complessivo di ben 26 punti. Ora la vetta dista solo otto lunghezze.

Primo tempo
A regnare nelle prime battute di gioco è la surplace che svanisce al quindicesimo quando, dal piede di Bacio Terracino, arriva la prima conclusione a rete con Narduzzo prontamente scaccia il pericolo. La Reggiana prova a colpire con Bovo, ma la sua conclusione viene deviata sul fondo da un vigile Calore. Carlini e Cesarini faticano a impostare le loro geometrie causa il pressing asfissiante dei centrocampisti avversari. In corso d’opera, viene esposto in curva sud uno striscione che riporta la dicitura: “Vicino ai nostri reggiani in difficoltà” a testimoniare il sostegno da parte delle Teste Quadre ai propri compaesani colpiti gravemente dal recente alluvione. Al quarantunesimo Altinier, servito al bacio da Cianci, sfonda la rete (foto) con un poderoso stacco di testa liberando la gioia del popolo granata. In pieno recupero Tulli sfiora il pareggio con un tiro al veleno che lambisce il palo alla sinistra dell’estremo difensore granata.

Secondo tempo
Neanche il tempo di riaccomodarsi in poltrona che è già ora di esultare in quanto Carlini, su cross pennellato di Panizzi, con la capoccia porta la Regia in doppia cifra. Al sedicesimo, ancora il solito Panizzi, lo si vede servire una palla al bacio per Cianci che non aggancia, la sfera arriva sul piede di Bovo il quale, dopo aver ubriacato la retroguardia abruzzese, anzichè scagliare il bolide del possibile terzo goal passa clamorosamente la palla al numero uno avversario. La Reggiana domina, ma al quarantunesimo Bacio Terracino si inventa un tiro a giro che non lascia scampo a Narduzzo per il goal della bandiera. Una vittoria che porta i tifosi a parlare di serie B, non mister Eberini che, in conferenza stampa, parla chiaro: “bisogna stare con i piedi per terra”.

Il tabellino

Macatori: 41’ pt. Altinier (R), 5’ st. Carlini (R), 40’ st. Bacio Terracino (T).

REGGIANA – TERAMO: 2 – 1

REGGIANA (4-3-3): Narduzzo; Ghiringhelli (dal 14’ st. Lombardo), Spanò, Crocchianti, Panizzi; Carlini, Genevier, Bovo; Cianci (dal 22’ st. Riverola), Altinier (dal 45’ st. Bobb), Cesarini. A disposizione: Facchin, Viola, Manfrin, Rocco, Rosso, Zaccariello. Allenatore: Eberini.

TERAMO (3-5-2): Calore; Sales, Speranza, Caidi; Varas, Ilari (dal32’ st. Soumarè), Graziano, De Grazia (dal 9’ st. Barbuti), Ventola (dal 46’ st. Milillo); Tulli, Bacio Terracino. A disposizione: Lewandowski, Altobelli, Foggia, Mancini, Paolucci, Pietrantonio. Allenatore: Asta.

Arbitro: Luciani sez. di Roma 1 (Assistenti: Vitale sez. di Brescia, Salvalaglio sez. di Legnano.

Note – Ammonito: Altinier. Recupero. 4’ pt. – 5’ st. Angoli: 8 – 7.

Più informazioni su