Confcommercio: “Parrucchieri abusivi, rischio per la salute”

La presidente Prampolini interviene sulla vicenda di Casalgrande: "Un danno anche per le imprese locali"

REGGIO EMILIA – Confcommercio è attivamente impegnata da tempo sul fronte dell’abusivismo e dell’illegalità nel commercio e nei servizi. “Abbiamo trovato sempre la piena collaborazione e disponibilità delle Istituzioni e delle Forze dell’Ordine – sottolinea Donatella Prampolini Manzini, presidente di Confcommercio-Imprese per l’Italia Reggio Emilia – alle quali siamo grati non soltanto per questo ma anche per l’enorme sforzo che esse producono quotidianamente nell’interesse della collettività”. Sul fronte del contrasto all’abusivismo e all’illegalità che colpiscono le imprese dei settori che Confcommercio rappresenta si cominciano per altro a notare alcuni segnali importanti.

“Proprio per non abbassare la guardia – spiega Donatella Prampolini Manzini – anche in questa occasione rispondiamo a un invito costante della pubblica amministrazione: quello di non mancare mai di segnalare le situazioni di presunta irregolarità delle quali abbiamo notizia. Così ci siamo rivolti nei giorni scorsi all’amministrazione comunale di Casalgrande, al prefetto e alla guardia di Finanza per una segnalazione che ci è arrivata della presenza in quel comune di numerosi parrucchieri abusivi”.

“Ci teniamo a evidenziare – conclude Donatella Prampolini Manzini – che questi abusivi totalmente sconosciuti al fisco, oltre a creare un danno economico alle imprese che rispettano le regole, mettono a rischio la salute degli avventori, non essendo in alcun modo soggetti ai controlli sui prodotti e sulle norme di sicurezza”.