Val d’Enza, le minoranze: “Treni in ritardo, Pd inconcludente”

I consiglieri di opposizione: "Studenti e lavoratori appiedati, mentre il Partito Democratico boccia i nostri ordini del giorno"

REGGIO EMILIA – Nuovi disagi, questa mattina, per il trasporto ferroviario locale di Reggio Emilia sulla linea tra il capoluogo e Ciano. Lo denunciano i consiglieri di minoranza dell’Unione dei Comuni della Val d’Enza di Bibbiano, Cavriago, Gattatico e Sant’Ilario, segnalando che oggi “il treno 90196 e’ stato annunciato con un ritardo tra i 30 e i 60 minuti. Tantissimi studenti, lavoratori e utenti sono rimasti a piedi, per l’ennesima volta”.

Il tutto, chiosano i consiglieri, “mentre nel corso dell’ultimo Consiglio dell’Unione dei Comuni della Val d’Enza di pochi giorni fa, come liste di minoranza abbiamo presentato un ordine del giorno sui disservizi verificatisi nel trasporto pubblico locale”. Il documento pero’ “e’ stato inspiegabilmente bocciato (la maggioranza Pd ha presentato un emendamento irricevibile che ne avrebbe stravolto il senso), nonostante la mobilitazione dei cittadini e nonostante la pavida iniziativa della raccolta firme”.

Insomma, “questa e’ la triste dimostrazione di quanto sono inconcludenti i nostri sindaci”, di “una maggioranza arroccata a difendere l’indifendibile, a negare l’evidenza e a invocare il risultato ottenuto in termini di promesse di finanziamenti sulla rete. Promesse gia’ fatte l’anno passato e mai mantenute nella sostanza”.