Qualità della vita, Reggio sale di un gradino per ItaliaOggi

La provincia dove si vive meglio è Bolzano, la peggiore Trapani. In Emilia-Romagna, meglio di noi Parma e Modena

REGGIO EMILIA – Nella classifica del quotidiano economico ItaliaOggi sulla Qualità della vita, Reggio Emilia sale di un gradino rispetto al 2016 e si colloca in un dignitoso 15° posto (al 16° secondo un’altra classifica del Sole 24 Ore): prima di Piacenza (ventesima, con -5 punti) ma dopo Parma (settima, ma con una posizione in meno rispetto allo scorso anno) e Modena, protagonista di una rapida rimonta dal 21° al 14° posto grazie alle politiche oculate della Giunta Muzzarelli.

La provincia italiana dove si vive meglio è Bolzano, seguita a ruota da Trento e Belluno. Dalla parte opposta dello Stivale, Trapani il fanalino di coda della classifica. Secondo il quotidiano economico, la prima delle città emiliano-romagnole è Parma: se la capolista Bolzano ha mille punti, la Città ducale ne ha 865,14. Perde diverse posizioni un altra città nobile della pianura, Mantova, che l’anno scorso era al primo posto e ora scivola all’ottavo, sotto Parma. Agli ultimi posti della classifica ci sono il Medio Campidano, 109° con 7,14 punti e appunto Trapani (a zero). Complessivamente emerge che la linea di dermarcazione, però, non è più tra nord e sud, ma tra province medie dove si vive bene e aree metropolitane dove i problemi sono crescenti.

Lo studio prende in esame 9 parametri: affari e lavoro, ambiente, criminalità, disagio sociale e personale, popolazione, servizi finanziari e scolastici, sistema salute, tempo libero, tenore di vita. Per ciascun settore, a ogni provincia è stato dato un voto da 1 a 4.

L’indagine, che è pubblicata integralmente oggi con il quotidiano, è giunta alla sua 19a edizione ed è curata dal Dipartimento di statistiche economiche dell’Università La Sapienza di Roma. Drammatico il quadro complessivo dell’Italia: il 58% degi italiani ha una qualità della vita scarsa o insufficiente, solo 56 le province su 110 dove la qualità è buona oppure anche solo accettabile. Tra le metropoli Milano è stabile al 57° posto mentre Roma è protagonista di un salto in avanti di ben 21 posizioni rispetto allo scorso anno e si colloca al 67° posto.