Prefettura Reggio apre tavolo neve con Enel

Manghi: "Per danni a linee elettriche servono risposte più celeri"

REGGIO EMILIA – Se la prima nevicata in montagna di una decina di giorni fa non ha causato disagi particolari alla circolazione nelle strade, che sono state rapidamente ripulite, diversamente e’ andata per alcune frazioni dei Comuni dell’Appennino.

Qui i rami degli alberi spezzati hanno tranciato i cavi elettrici, lasciando per due notti al buio e al gelo alcune famiglie. Ne ha discusso oggi il presidente della Provincia Giammaria Manghi in una riunione col Prefetto Maria Forte, che ha annunciato l’apertura di un tavolo tecnico con i Comuni, Enel, la Protezione civile e la stessa amministrazione provinciale.

Due i temi da affrontare, riporta Manghi: “Quello delle alberature, per cui e’ da definire di chi sia la competenza a sistemarle” e “i tempi di ripristino che devono essere piu’ celeri”. Un obiettivo, questo, aggiunge il presidente della Provincia, “che si raggiunge o con piu’ forze a disposizione, cioe’ aumentando le squadre, o con generatori alternativi alle linee qualora queste dovessero danneggiarsi”.