Allarme attentato a Londra, tre reggiani bloccati nella metro

LONDRA (Regno Unito) – Caos in Oxford Street nel cuore di Londra per un allarme attentato alle ore 17.43 (ora italiana). Fuggi fuggi all’altezza della fermata della metropolitana, elicotteri volteggiano sulla zona. Il nostro direttore Paolo Pergolizzi si trovava sul posto con la famiglia: “Eravamo sul treno, ma non ci hanno fatto scendere”.

La polizia della capitale britannica adesso parla di “incidente” che avrebbe portato alla decisione di evacuare la metro di Oxford Circus a Londra; un portavoce della rete del trasporti londinese ha detto anche la stazione è stata chiusa e i passeggeri evacuati. Pergolizzi, sul posto con la moglie Francesca S. e il figlioletto per un weekend di ferie, era con altri passeggeri su un treno che è stato “blindato”: in questo caso i passeggeri non sono potuti scendere e, con tutte le cautele del caso, il convoglio è stato fatto passare oltre.

Gli agenti di Scotland Yard erano inizialmente intervenuti in seguito a un fatto definito, in un primo momento, “di natura terroristica”. Testimoni avevano anche riferito di aver sentito rumori di spari. La polizia però non avrebbe trovato “alcuna vittima” nell’area e, anzi, in un twitter ha comunicato di non avere prove di sparatorie o feriti.

La zona, centralissima e caratterizzata dalla presenza di grandi magazzini, negozi ed uffici, in pochi minuti è piombata nel caos: molti negozi si sono svuotati mentre sui social media c’era qualcuno che parlava di poliziotti armati tra i tantissimi passanti che erano accorsi per lo shopping del cosiddetto “Black friday”. Anche in considerazione dell’orario di punta, nelle strade si erano riversate anche migliaia di pendolari che avevano terminato di lavorare negli uffici.