Quantcast

Aceto balsamico tradizionale Reggio Dop in vetrina a Fico

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Per la prima volta i Consorzi di Reggio Emilia e di Modena si mettono insieme per valorizzare le “Terre del Balsamico”. Accade a Fico Eataly World, il parco che riunisce le migliori eccellenze italiane e che ieri ha ufficialmente aperto le sue porte al pubblico. “Nello spazio dedicato, appunto, alle “Terre del Balsamico” – commenta il presidente del Consorzio dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia Dop, Andrea Bezzecchi, – presentiamo un vero unicum, perché non esiste al mondo luogo in cui i tre Balsamici (i due Tradizionali Dop e l’Igp, ndr) e i loro produttori possano essere confrontati, degustati e accostati tra loro, presentati da personale qualificato per spiegare le sostanziali differenze tra prodotti commercializzati sotto denominazioni all’apparenza molto simili”.

Il valore aggiunto di questa operazione è la scoperta delle diversità nel mondo del Balsamico Tradizionale Dop. “A parità di standard qualitativi molto alti, garantiti dal disciplinare di produzione tra i più rigidi al mondo (per l’invecchiamento del prodotto, l’analisi fatta da esperti del Consorzio e l’imbottigliamento eseguito da ente terzo), sarà possibile testare la distintività di ogni singolo Balsamico Tradizionale data dalle scelte di ciascun produttore. Molti infatti pensano erroneamente che una volta certificato come DOP, i Balsamici Tradizionali siano tutti uguali. In realtà la degustazione fatta da maestri assaggiatori e l’impianto di certificazione è da considerarsi un punto di partenza, molto alto, verso un viaggio fatto di sfumature e peculiarità che solo un assaggio comparato può far apprezzare. Tra l’altro la certificazione oltre ad essere un punto di partenza è anche, a nostro parere, un passaggio imprescindibile se parliamo di Balsamici invecchiati”.

Nello spazio, che ospita una quindicina tra Balsamici Tradizionali DOP di Reggio Emilia e di Modena, è presente, oltre al Consorzio dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia DOP, anche il ristorante trattoria Cognento, che prepara gnocco e tigelle accompagnate da salumi tipici e menù a base di Aecto Balsamico Tradizionale.

“Questo spazio all’interno di Fico – fa notare ancora il presidente Bezzecchi – porterà visibilità al nostro prezioso prodotto e consentirà al visitatore di capire nel profondo quali sono le terre del Balsamico, di solito identificate solo nella provincia di Modena e che devono invece essere ricondotte all’intero territorio di quello che una volta (e per più di 450 anni) era il Ducato di Modena e Reggio Emilia. Proprio a Reggio, esiste una Dop per il Balsamico Tradizionale Reggiano, riconosciuta nel 2000 ma nata come DOC nel 1986 ed è anche possibile produrre l’Igp Aceto Balsamico di Modena, che prevede la miscelazione e l’affinamento del prodotto anche nel nostro territorio. Finalmente l’avventore, anche straniero – conclude Bezzecchi – avrà chiara la presenza di Reggio Emilia nel circuito della produzione dell’Aceto Balsamico Tradizionale che nella nostra provincia conta nel complesso 92 produttori certificati caratterizzandosi come Dop tra le più storiche del territorio e l’unica che porta il nome della provincia nella sua denominazione protetta”.

Più informazioni su