Quantcast

La Lega Nord: “Sgomberate le ex Reggiane” fotogallery

Il responsabile Sicurezza del Carroccio Matteo Melato: "I capannoni in disuso sono usati come base da ladri e spacciatori"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – A Reggio Emilia la Lega Nord torna all’attacco sulla sicurezza nella zona “calda” della stazione ferroviaria storica. Lo fa con un “reportage” fotografico realizzato da un residente, che documenta lo stato di abbandono di alcuni capannoni delle ex Officine Reggiane (quelli non interessati dal progetto di riqualificazione varato dal Comune) che ospitano senzatetto, spacciatori e tossicodipendenti.

In pratica, spiega il responsabile Sicurezza del Carroccio provinciale Matteo Melato, “i capannoni vengono utilizzati come base e quartier generale di sbandati, immigrati, tossici e ladri che detengono la loro merce rubata e forse anche di piu’: in questi depositi si possono trovare grovigli di biciclette, vestiti, giochi per bambini, valigie e altro materiale presumibilmente frutto di furti”. Inoltre, “stanze e capannoni vengono utilizzati come dormitori per poi partire al mattino e andare in via Turri o in altre zone della citta’ e diventare parcheggiatori abusivi, accattoni o spacciatori”.

Dunque, “se si vuole risolvere il problema della stazione e’ imprescindibile prima di tutto sgomberare questi spazi e tutta la zona in modo da non consentire piu’ a queste persone di avere un quartier generale a pochi passi dal centro storico”. Melato ritorna poi anche sulla chiusura notturna del parco delle Paulonie, disposta recentemente dal Comune in risposta all’appello di alcuni comitati: “Provvedimenti inutili e di facciata come la chiusura di un parco non servono a nulla, occorrono misure severe ed incisive, basta la volonta’ di attuarle”.

Il degrado dei capannoni, conclude il leghista, “stride con l’immagine di sviluppo che questa amministrazione vuole dare con il Tecnopolo”.

Più informazioni su