Firme false, rinviato a giudizio Andrea Capelli

Il capogruppo Pd in consiglio comunale alle elezioni 2014 avrebbe autenticato anche firme non vere, tra cui quella di una persona deceduta

REGGIO EMILIA – Andrea Capelli, capogruppo del Pd in Comune a Reggio Emilia, e’ stato rinviato a giudizio insieme ad altre due persone per una vicenda di firme raccolte in occasione delle elezioni regionali del 2014, ritenute false dalla Procura.

Le firme contestate sono una ventina ed erano in calce alla lista circoscrizionale del “Centro Democratico”.

In sostanza il consigliere comunale avrebbe autenticato anche firme non vere, tra cui quella di una persona deceduta. I difensori di Capelli hanno sostenuto la tesi dell’errore in buona fede: il dem si sarebbe fidato, autenticando firme gia’ apposte in precedenza.