Circolo Pd 8, gli iscritti bocciano il candidato segretario

Ben 33 no per Marina Ligabue. Congresso provinciale, De Lucia polemizza con Costa e Tagliavini: "Siete dei poccioni"

REGGIO EMILIA – L’unico candidato segretario del circolo Pd 8 di San Prospero Strinati e Villa Sesso, Marina Ligabue, è stato sonoramente bocciato dagli iscritti che gli hanno votato contro: 33 no, 23 sì, tre bianche e un astenuto. Ora il circolo continuerà ad essere commissariato, fino a nuove elezioni, come era prima dato che l’ex segretario, Roberto Grassi, aveva lasciato nel 2014.

Recentemente, in quel circolo, si era provato a mettere in campo una candidatura unitaria e si era deciso di puntare su una ragazza giovane di 24 anni che sembrava potesse andare bene a molti, ma la Ligabue ha voluto candidarsi a tutti i costi.

Molto conosciuta nella sinistra reggiana, ma coinvolta negli anni scorsi in una complicata vicenda giudiziaria legata a un giro di cambiali false, la 56enne aveva presentato nei tempi previsti la sua candidatura, accompagnata dalle firme necessarie, e la sua posizione – proprio per le questioni legali pregresse – era stata valutata dalla commissione di garanzia del Pd, che aveva dato il proprio via libera.

La ragazza a quel punto ha lasciato e così la Ligabue è rimasta l’unico candidato in corsa. Un nome che, evidentemente, non piaceva a molti. E così è stata bocciata dagli iscritti, evento, a quanto pare, abbastanza raro nei circoli Pd.

Il congresso provinciale, De Lucia a Costa e Tagliavini: “Siete dei poccioni”
Con una sola proposta in campo, quella del ticket politico formato dal segretario uscente Andrea Costa (area Orlando) e Andrea Tagliavini (renziano di ferro), l’esito del congresso provinciale del Pd a Reggio Emilia e’ scontato. Ma le polemiche non sono del tutto appianate. Il consigliere comunale Dario De Lucia, che aveva contestato la scelta dei candidati come riconducibile ad un “accordo tra correnti”, e’ tornato sul punto sabato scorso, quando i candidati hanno diffuso il loro documento programmatico.

Ma “se vi siete candidati un mese fa e il programma arriva oggi, sulla base di quali punti programmatici avevate deciso questa candidatura?”, domanda De Lucia su Facebook. “Ragazzi – ammonisce – non si fa politica cosi’. Prima le idee, poi le persone, le correnti, le cordate e tutto il resto. Siete dei ‘poccioni’ nel migliore dei casi, nel peggiore e’ una candidatura solo per garantire quote, equilibri e poltrone”.