Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Catalogna, Rajoy commissaria Puigdemont

Decine di migliaia in piazza: "Come nel franchismo". Indipendentisti: "Colpo di Stato". Podemos: "Sospensione della democrazia"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto che assumerà le competenze del presidente catalano Carles Puigdemont per convocare nuove elezioni. Il governo spagnolo ha deciso di proporre al Senato la destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont, del vicepresidente Oriol Junqueras e di tutti i membri del Govern. “La mia volontà è di andare a elezioni il prima possibile, non appena sarà ripristinata la normalità istituzionale. Lo vuole la maggioranza, dobbiamo aprire una nuova fase”, ha aggiunto Rajoy parlando al massimo di sei mesi.

Le misure decise prevedono anche il divieto per il Parlamento catalano di eleggere un sostituto di Puigdemont. L’assemblea catalana eserciterà solo una “funzione rappresentativa”, non potrà adottare “iniziative contrarie alla costituzione” e Madrid avrà un potere di veto entro 30 giorni sulle sue decisioni.

Secondo la polizia urbana di Barcellona circa 450mila persone hanno partecipato alla grande manifestazione convocata nella capitale catalana per chiedere la liberazione dei “detenuti politici” Jordi Sanchez e Jordi Cuixart e denunciare le misure decise questa mattina contro la Catalogna dal premier spagnolo Mariano Rajoy.

Podemos è “sotto shock” davanti alla “sospensione della democrazia non solo in Catalogna ma anche in Spagna”, ha affermato il numero due del partito ‘viola’ Pablo Echenique dopo l’annuncio delle misure decise da Madrid contro la Catalogna. Le misure annunciate dal governo di Madrid sono “un colpo di stato contro il popolo della Catalogna”, ha affermato il deputato del Pdecat, il partito del presidente Carles Puigdemont, Josep Lluis Cleries.

Le misure annunciate “sanno di franchismo, è un ritorno al 1975”, ha accusato il parlamentare del Pdecat, il partito del presidente Carles Puigdemont, Josep LluisCleries. L’associazione della stampa della Catalogna ha denunciato la presa di controllo da parte dei rappresentanti dello Stato spagnolo delle Radio-tv pubbliche catalane, Tv3 e Catalunya Radio, prevista dal pacchetto di misure di commissariamento annunciato oggi da Madrid. Per l’associazione si tratta di “un attacco alla libertà di espressione”.

“Il governo ha dovuto applicare l’articolo 155 della costituzione (che consente di commissariare la Catalogna, ndr), anche se non era un nostro desiderio”, ha detto Rajoy al termine del consiglio dei ministri straordinario sulla Catalogna. Rajoy ha comunque precisato che con queste iniziative “non si sospende l’autonomia né l’autogoverno della Catalogna ma si sospendono le persone che hanno messo la Catalogna fuori dalla legge”. “Questo è un processo unilaterale e contrario alla legge e che ha cercato lo scontro”, ha detto il premier spagnolo.

Per Rajoy “voler imporre ai governanti che si violi deliberatamente la legge non è una richiesta di dialogo, ma un’imposizione”.

“Gli ultimi dati dell’economia in Catalogna sono preoccupanti – ha aggiunto – . Le sedi sociali delle aziende hanno traslocato, più di mille aziende, le aziende più grandi che danno lavoro, hanno lasciato. C’è stato un disincentivo degli investimenti e un crollo del turismo”. Re Felipe VI di Spagna ha denunciato a Oviedo l'”inaccettabile tentativo di secessione” catalano e affermato che la Catalogna “è, e sarà, una parte essenziale della Spagna”. Parlando alla cerimonia del Premio 2017 Principessa di Asturie Felipe di Borbone ha detto che la Spagna “farà fronte all’inaccettabile tentativo di secessione di una parte del suo territorio nazionale e lo risolverà con le sue legittime istituzioni democratiche, nel rispetto della costituzione e dei valori e principi della democrazia parlamentare”.

 

Più informazioni su