Vimi Fasteners compie 50 anni

Crescita organica, nuove acquisizioni e operazioni di finanza straordinaria per l’azienda di Reggio Emilia leader nel settore industriale dei sistemi di fissaggio

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Una grande festa dedicata a tutti coloro che in cinquant’anni di attività di Vimi Fasteners hanno contribuito a far crescere l’azienda. C’erano davvero tutti: i collaboratori e i dirigenti di oggi, ma anche quelli di ieri, le loro famiglie con i bimbi grandi e piccoli, il sindaco di Novellara Elena Carletti, il parroco don Giordano Goccini, il presidente della provincia Giammaria Manghi, le Forze dell’Ordine, i rappresentanti sindacali e quelli di Unindustria Reggio Emilia, guidati dal presidente Mauro Severi.

Un’intera comunità si è unita ad Aimone e Fabio Storchi – rispettivamente presidente e amministratore delegato dell’azienda di Novellara leader nella progettazione e produzione di organi meccanici di fissaggio per i settori automotive, industriale e aerospaziale – che, insieme al general manager Marco Sargenti, hanno aperto le porte della sede direzionale di Novellara per festeggiare una delle realtà più industriali più promettenti del nostro territorio.

Nata a Reggio Emilia nel 1967, oggi, Vimi Fasteners, con 250 collaboratori, sedi in Europa, Stati Uniti e Sud Est Asiatico e un fatturato previsto per il 2017 di oltre 40 milioni di euro, realizzato prevalentemente sul mercato estero, è leader a livello mondiale nella progettazione e produzione di organi meccanici di fissaggio, destinati ad applicazioni industriali di elevato contenuto ingegneristico.
L’anniversario è stato occasione per presentare il nuovo piano strategico, che fissa le linee di sviluppo futuro di Vimi Fasteners e che la famiglia Storchi è pronta a sostenere con significativi investimenti in prodotto, processi produttivi e struttura organizzativa.

L’ulteriore sviluppo del processo di internazionalizzazione e operazioni di finanza straordinaria consentiranno di raggiungere il traguardo di 100 milioni di euro di fatturato nei prossimi anni; una significativa crescita per raggiungere la dimensione ottimale che permetterà all’azienda di operare e competere con successo sul mercato globale. Un mercato sempre più ampio in cui Vimi mette a valore il proprio know how ingegneristico e le competenze distintive dell’azienda di Novellara, situata nel cuore della Motor Valley, che la rendono unica come specialista nella produzione dei sistemi di fissaggio.

“Per essere protagonisti del mercato globale, nell’epoca della quarta rivoluzione industriale, dobbiamo costruire nuove relazioni sindacali improntate alla collaborazione e alla piena partecipazione di tutte le persone alla vita aziendale. Ciò significa che dobbiamo tutti impegnarci per costruire – insieme – una collaborazione a tutto campo fondata sulla condivisione degli obiettivi da raggiungere e dei rischi da affrontare al fine di creare valore a vantaggio di tutti” ha dichiarato l’amministratore delegato Fabio Storchi.

“Investendo sulla centralità della persona, la sua formazione e la partecipazione creativa per realizzare un nuovo modello di fabbrica intelligente e sicura, sostenibile e a misura d’uomo” ha proseguito il presidente Aimone Storchi.
Obiettivi ambiziosi e sfidanti che il general manager Marco Sargenti conferma, sottolineando l’assunzione nell’ultimo anno di 35 nuovi addetti, per aumentare la capacità produttiva e rispondere alla domanda crescente dei clienti.

Mentre il sindaco Elena Carletti ha rinnovato “l’impegno dell’amministrazione comunale e del territorio a sostenere i progetti di Vimi Fasteners”, il presidente della provincia Giammaria Manghi ha sottolineato che “la storia dell’azienda rappresenta il perfetto paradigma della capacità di fare insieme tutta reggiana”. Il presidente di Unindustria Reggio Emilia Mauro Severi, infine, nel consegnare al presidente Aimone Storchi una targa ricordo, ha ricordato “l’importanza della capacità di fare squadra tra istituzioni, associazioni e imprese per far crescere la fiducia nel futuro”.
La giornata di festeggiamenti si è conclusa con la visita guidata allo stabilimento produttivo, mentre il tricolore, liberato da una formazione aerea in volo, ha salutato gli ospiti.

Più informazioni su