Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Smartphone: crescono le vendite e modificano i nostri comportamenti

Con la loro capillare diffusione le abitudini degli italiani sono state modificate nel profondo

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Ad ogni epoca la propria tendenza, ad ogni periodo storico la propria tecnologia: una regola che ha accompagnato ogni singola tappa dell’evoluzione umana, dalla scoperta del fuoco all’invenzione della ruota, fino ad arrivare all’elettricità e ovviamente a Internet, considerata la rivoluzione più importante di sempre. Oggi, però, stiamo vivendo anni contraddistinti dal boom degli smartphone: device hi-tech che sempre più spesso rimpiazzano il telefono, offrendo modi di comunicare sempre diversi e sempre più multimediali, potendo anche contare su un dispositivo da mettere comodamente in tasca. Non stupisce, quindi, che negli ultimi tempi il mercato degli smartphone sia esploso in modo fragoroso, registrando un vero e proprio boom di vendite, anch’esso responsabile di comportamenti sempre più lontani dal recente passato.

Smartphone: crescono le vendite nel 2017
Una tale premessa richiede delle cifre e dei dati a supporto di quanto detto. Ebbene, a darci uno spaccato più che attendibile del mercato degli smartphone e della diffusione di questi device in Italia e nel mondo ci ha pensato la Ericsson, con il suo “Mobility Report”. Volendo sintetizzare in modo estremo quanto emerso, oggi 8 telefoni venduti su 10 sono smartphone di ultima generazione, per un totale di circa 370 milioni di device venduti nel secondo trimestre dell’anno in corso. I motivi di questo boom? Oltre alle ovvie necessità quotidiane, Internet è il vero responsabile di questo successo.

Non è un caso che – di pari passo con l’aumento delle vendite degli smartphone – sia stata registrata anche una parallela crescita del numero dei contratti in abbonamento, che adesso arrivano a sfiorare l’incredibile quota di 8 miliardi di unità: oggi infatti gran parte delle offerte per telefono mobile, come quelle di Kena Mobile, sono progettate appositamente per smartphone. Inoltre, va anche sottolineata la crescita relativa agli abbonamenti 4G e alla banda larga mobile, rispettivamente a quota 2,4 miliardi e 4,8 miliardi, in questo caso con un incremento annuo del +25%. Chiudiamo con un altro dato significativo per spiegare questo boom: il traffico dati proveniente dai cellulari, in aumento del +10% rispetto al primo trimestre 2017 e del +67% rispetto al 2016.

Come cambiano oggi le abitudini dei giovani?
Con la capillare diffusione degli smartphone, le abitudini degli italiani sono state modificate nel profondo. Ma in che modo? Basti pensare – come accennato all’inizio del nostro articolo – a quanto è cambiata la comunicazione fra i giovani, oggi monopolizzata (nel bene e nel male) dalle app di messaggistica e dai social network. Ma cambiano anche i connotati fisici che definiscono la bellezza (pur sempre soggettiva): oggi i canoni sono fatti altissimi, sempre per via dei social e dell’importanza delle fotografie e dei selfie, e questo non di rado spinge i giovanissimi a vivere il proprio aspetto come una questione prioritaria rispetto a tutto il resto, aumentando anche il fattore insicurezza nella vita di tutti i giorni. Gli smartphone, però, hanno anche esacerbato quella voglia di indipendenza dai genitori che, oggi, arriva sin dalla prima adolescenza: perché poter contare su un cellulare, per un ragazzo, significa poter avere una propria privacy e dunque anche uno spiccato potere decisionale prima assente a questa età.

Più informazioni su