La festa di Mdp inizia con l’arrivo di Enrico Rossi

Da giovedì a domenica al centro sociale La Mirandola di via Fratelli Bandiera (zona Pieve Modolena)

REGGIO EMILIA – Politica, cultura e attualità sono gli ingredienti di Onda Rossa, festa provinciale di Articolo Uno – Mdp Reggio Emilia, al via oggi al centro sociale La Mirandola di via Fratelli Bandiera (zona Pieve Modolena).

Si parte alle 18 con il sociologo Marco Revelli e la storica Antonella Tarpino, impegnati in un dialogo con la consigliera regionale Silvia Prodi su “Il paese fragile. L’Italia di oggi tra populismi e marginalità”. Revelli, autore del celebre saggio Populismo 2.0, passerà in rassegna i diversi populismi, per capire da dove nascono e come si alimentano nella post-democrazia, da Trump alla AFD, da Grillo a Renzi. L’iniziativa è in collaborazione con il Punto Einaudi di Reggio Emilia.

Alle 21 il meteorologo tv e divulgatore scientifico Luca Lombroso si confronterà con il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e l’assessore all’Ambiente Mirko Tutino in un dibattito dal titolo “Apocalypse Now? Come affrontare i cambiamenti climatici”. Coordina l’incontro il giornalista Jonathan Ferramola di Radio Città del Capo.

Per l’occasione oggi pomeriggio Enrico Rossi, cofondatore di Articolo Uno – Mdp, incontrerà in festa una delegazione dei lavoratori della Landi Renzo. L’azienda nelle scorse settimane ha annunciato ai lavoratori un piano di ristrutturazione che prevede 200 esuberi, tra i quali 79 nella sede di Corte Tegge. All’incontro, organizzato in collaborazione con Fiom-Cgil, saranno presenti anche Matteo Sassi, vicesindaco di Reggio Emilia, l’assessore Tutino e Lanfranco de Franco, capogruppo di Articolo Uno in consiglio comunale.

“Ci interessa entrare nel merito della situazione – spiegano gli esponenti di Articolo Uno – Mdp – e comprendere quali possibilità di azione esistano nei diversi livelli istituzionali in cui siamo impegnati. La presenza di Enrico Rossi, che negli anni ’90 ha contrastato con successo, da sindaco di Pontedera, il piano di chiusura degli stabilimenti della Piaggio nella città che amministrava, potrà essere un’occasione per aprire una discussione anche ad altri livelli, con l’obiettivo di sostenere chi oggi rischia di perdere il proprio lavoro”.

Onda Rossa prosegue fino all’1 ottobre. Nei prossimi giorni in programma un confronto sul Processo Aemilia (venerdì ore 18), un dibattito sullo Ius soli tra tutte le sigle della sinistra (ore 21), l’incontro e la cena con Pier Luigi Bersani (sabato dalle 19) e il confronto tra gli amministratori del movimento e i cittadini (sabato ore 10.30 in piazza Casotti), con restituzione al sindaco Luca Vecchi delle proposte da sinistra domenica mattina. Tutti i giorni è aperto il ristorante della festa a cura dei volontari del centro sociale La Mirandola, con un piccolo menu alla carta e due momenti a menu fisso per la cena con Bersani di sabato 29 e il pranzo di domenica 30 (info e prenotazioni: 338 6078280).