Quantcast

Fratoianni: “Sempre più convinti di lista a sinistra”

Lo dice il segretario nazionale di Si, parlando con i giornalisti a margine dell'assemblea nazionale dei segretari provinciali in corso

REGGIO EMILIA – “Da questa festa Sinistra Italiana e tutti noi usciamo più forti, più convinti della possibilità e della necessità di dare vita ad una proposta politica ed elettorale unitaria e larga della sinistra di questo Paese”. Lo afferma Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, parlando con i giornalisti a margine dell’assemblea nazionale dei segretari provinciali di SI in corso alla Festa di Reggio Emilia.

“Ci sono ancora – prosegue il segretario di SI – naturalmente differenze di linguaggi, di articolazioni e sfumature, ma noi crediamo che ciò che prevarrà sarà la determinazione di offrire al nostro popolo e all’Italia una proposta in grado di indicare un cambiamento netto e radicale. Non è questione di condizioni o di accordi fra stati maggiori, è una questione di efficacia chiaramente alternativa ai tre poli esistenti attualmente, la destra, il M5S e il Pd.”

“Una proposta – insiste il leader di SI – che abbia il coraggio di indicare delle priorità precise, dal lavoro e i suoi diritti troppo spesso calpestati alla tutela dell’ambiente, dalle politiche di investimento per un piano straordinario per il lavoro alla piena affermazione dei diritti civili delle persone, da una scuola pubblica che riprenda appieno la sua preziosa funzione nazionale alla sanità per tutti e per tutte. Questioni che hanno a che fare con la vita di tutti i giorni delle persone in carne d’ossa, vita che in questi anni dei governi del Pd si è impoverita e peggiorata.”

“E poi – conclude Fratoianni – servono a sinistra elementi di chiarezza. Innanzitutto un impegno da prendere con gli elettori: quello di non fare il giorno dopo delle elezioni il contrario di quello che si è promesso. E poi con chi rivendica con orgoglio quelle politiche che hanno peggiorato la vita degli italiani, dal Jobs Act alla cosiddetta buona scuola allo SbloccaItalia non ci si allea. Il Pd come è naturale rivendica la giustezza di queste politiche che noi consideriamo un disastro per gli italiani. Questo è il punto, serve una proposta alternativa che riguadagni consenso e credibilità alla sinistra di questo Paese.”